Quali scenari con o senza lista Monti? | T-Mag | il magazine di Tecnè

Quali scenari con o senza lista Monti?

La notizia delle dimissioni di Monti ha dato il via alla campagna elettorale. Nonostante non sia nota la data ufficiale del voto, i leader e i partiti scaldano i motori. Il Monitor politico realizzato dall’istituto di ricerca Tecnè dà una visione organica delle ipotesi di alleanza più accreditate, con o senza la possibile candidatura del premier uscente. “Non ci sono segnali di un ritiro definitivo dalla scena politica del Professor Monti – commenta Carlo Buttaroni, presidente di Tecnè – anzi la sua presenza sarà in grado di portare alle urne un 2% in più di italiani che altrimenti si sarebbero astenuti. L’Italia è una democrazia parlamentare basata sulla rappresentanza, sarebbero molti i cittadini delusi nel non trovare il suo nome nelle liste”.
Stime elettorali. Il centrosinistra esce rafforzato dall’esperienza delle primarie. Il Partito democratico ha completato la sua evoluzione, collocandosi a pieno titolo e senza equivoci nel campo dei grandi partiti socialisti e democratici europei. Il Pd passa dal 30,8% di novembre al 34,6% rilevato a dicembre. Sel perde circa un punto percentuale e raccoglie il 6% dei consensi. L’Idv nella bufera degli scandali perde la metà dei suoi elettori passando dal 4,1% di novembre al 2,1% di preferenze. Il centrodestra subisce invece l’imposizione del leader e non inverte la caduta libera del consenso. Il Pdl, che nel 2008 aveva raccolto il 37,4% dei voti, a dicembre si attesta all’11,9%.
Le possibili alleanze. Una prima ipotesi, senza una lista Monti, vedrebbe la coalizione guidata da Bersani (Pd-Sel-Api-Psi) al 41,8%, contro quella guidata da Berlusconi (Pdl-Lega-La Destra) al 19,4%, la coalizione di centro (Fli-Udc-Italia Futura) al 10,8%, Grillo (Movimento 5 Stelle) al 15,7% e la coalizione di sinistra (Fed Sin-Idv-Verdi) al 5,5%. La discesa in campo del Professore con Fli, Udc, Lista Monti – Italia Futura otterrebbe il 20,3%, facendo scendere la coalizione Pd-Sel-Api-Psi al 39,7% e Pdl-Lega-La Destra al 15,4. Il Movimento 5 Stelle non cambierebbe molto il suo elettorato (15,2%) così come Fed Sin-Idv–Verdi. Con la presenza di Monti il partito degli astenuti passerebbe dal 48% al 46,1%. L’ipotesi di una grande intesa con Bersani alla guida del centrosinistra (Pd-Sel-Api-Psi) e Monti insieme ai moderati (Udc-Fli-Monti-Italia Futura) supererebbe anche il premio di maggioranza, raccogliendo il 60% delle preferenze.

Sfoglia il Monitor politico di Tecnè in pdf.

 

Scrivi una replica

News

«Durante la pandemia il 13% degli over 45 ha provato depressione per la prima volta»

Il biennio pandemico ha messo a dura prova la salute mentale di molte persone. Lo conferma uno studio coordinato dall’Università di Toronto, in Canada, pubblicato…

25 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inquinamento: nel 2020, nell’Ue, 238 mila morti premature a causa dell’inquinamento da polvere sottili

Nel 2020, nell’Unione europea, sono state registrate 238 mila morti premature a causa dell’inquinamento da polvere sottili. Lo denuncia l’Aee, l’Agenzia europea dell’ambiente, sottolineando che…

25 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stoltenberg: «Putin sta fallendo, per questo compie attacchi brutali»

«Vladimir Putin sta fallendo in Ucraina e dunque procede con maggiore brutalità, attaccando gli obiettivi civili, privando le persone di luce, acqua e cibo: per…

25 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cremlino: «Kiev non riconquisterà la Crimea»

«L’Ucraina non riconquisterà la Crimea». Lo ha affermato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, citato dalla Tass, rispondendo a quanto affermato dal presidente ucraino Volodymyr…

25 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia