Quali scenari con o senza lista Monti? | T-Mag | il magazine di Tecnè

Quali scenari con o senza lista Monti?

La notizia delle dimissioni di Monti ha dato il via alla campagna elettorale. Nonostante non sia nota la data ufficiale del voto, i leader e i partiti scaldano i motori. Il Monitor politico realizzato dall’istituto di ricerca Tecnè dà una visione organica delle ipotesi di alleanza più accreditate, con o senza la possibile candidatura del premier uscente. “Non ci sono segnali di un ritiro definitivo dalla scena politica del Professor Monti – commenta Carlo Buttaroni, presidente di Tecnè – anzi la sua presenza sarà in grado di portare alle urne un 2% in più di italiani che altrimenti si sarebbero astenuti. L’Italia è una democrazia parlamentare basata sulla rappresentanza, sarebbero molti i cittadini delusi nel non trovare il suo nome nelle liste”.
Stime elettorali. Il centrosinistra esce rafforzato dall’esperienza delle primarie. Il Partito democratico ha completato la sua evoluzione, collocandosi a pieno titolo e senza equivoci nel campo dei grandi partiti socialisti e democratici europei. Il Pd passa dal 30,8% di novembre al 34,6% rilevato a dicembre. Sel perde circa un punto percentuale e raccoglie il 6% dei consensi. L’Idv nella bufera degli scandali perde la metà dei suoi elettori passando dal 4,1% di novembre al 2,1% di preferenze. Il centrodestra subisce invece l’imposizione del leader e non inverte la caduta libera del consenso. Il Pdl, che nel 2008 aveva raccolto il 37,4% dei voti, a dicembre si attesta all’11,9%.
Le possibili alleanze. Una prima ipotesi, senza una lista Monti, vedrebbe la coalizione guidata da Bersani (Pd-Sel-Api-Psi) al 41,8%, contro quella guidata da Berlusconi (Pdl-Lega-La Destra) al 19,4%, la coalizione di centro (Fli-Udc-Italia Futura) al 10,8%, Grillo (Movimento 5 Stelle) al 15,7% e la coalizione di sinistra (Fed Sin-Idv-Verdi) al 5,5%. La discesa in campo del Professore con Fli, Udc, Lista Monti – Italia Futura otterrebbe il 20,3%, facendo scendere la coalizione Pd-Sel-Api-Psi al 39,7% e Pdl-Lega-La Destra al 15,4. Il Movimento 5 Stelle non cambierebbe molto il suo elettorato (15,2%) così come Fed Sin-Idv–Verdi. Con la presenza di Monti il partito degli astenuti passerebbe dal 48% al 46,1%. L’ipotesi di una grande intesa con Bersani alla guida del centrosinistra (Pd-Sel-Api-Psi) e Monti insieme ai moderati (Udc-Fli-Monti-Italia Futura) supererebbe anche il premio di maggioranza, raccogliendo il 60% delle preferenze.

Sfoglia il Monitor politico di Tecnè in pdf.

 

Scrivi una replica

News

Nato: Consiglio Atlantico convocato a Bruxelles il 14 e 15 febbraio

Il Consiglio Atlantico è stato convocato a Bruxelles per il 14 e 15 febbraio prossimi per discutere della situazione in Ucraina. Ad annunciarlo è stata…

26 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti: Meta reintegra Trump su Facebook e Instagram

Dopo la svolta di Twitter, anche Meta ha deciso di reintegrare Donald Trump su Facebook e Instagram. Per due anni gli account dell’ex presidente degli…

26 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

«Nel 2022, 122 omicidi su 310 avvenuti in Italia hanno avuto come vittima una donna»

Nel 2022 la metà degli omicidi «sono avvenuti nell’ambito dei rapporti familiari e affettivi e una parte molto consistente, 122 su 310, vede come vittima…

26 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Zelensky: «Ringraziamo i nostri alleati, ora serve essere rapidi per la fornitura dei nuovi carri armati»

«Ringrazio tutti i nostri alleati per la loro disponibilità a fornirci carri armati moderni e tanto necessari. La chiave ora è la velocità. La velocità di addestramento…

26 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia