E Beppe Grillo passò alle epurazioni | T-Mag | il magazine di Tecnè

E Beppe Grillo passò alle epurazioni

di Mirko Spadoni

In Parlamento non ci hanno ancora messo piede. Quando accadrà, promette il loro leader, sarà un piacere. Intanto, il Movimento 5 Stelle si dà da fare per dimostrare al mondo intero che loro, a differenza di altri, sono l’esempio di una politica onesta, incorruttibile, trasparente e competente. Insomma, dicono di incarnare le qualità che dovrebbero appartenere all’attuale classe politica. Ma il movimento, ribadisce il leader Beppe Grillo, è “in guerra”. Quindi non sono ammesse defezioni e non è ammesso mettere in dubbio l’onestà e la bontà di chi viene ritenuto a capo del partito. “Se c’è qualcuno che reputa che io non sia democratico – aveva affermato Grillo in un videoeditoriale pubblicato sul suo blog – che Casaleggio si tenga i soldi, che io sia disonesto, allora prende e va fuori dalle palle”. La linea è questa, chi se ne discosta può cercare fortuna altrove.
Ma le parole di Grillo non erano state buttate lì, a caso. Erano un avvertimento a chi, nel recente passato, aveva dimostrato di non essere un grillino disciplinato. A chi, come Giovanni Favia e Federica Salsi, non aveva rispettato ossequiosamente le direttive del partito, partecipando ad una trasmissione televisiva o accusando il leader di gestire il partito in modo poco democratico. Non erano dichiarazioni a caso, erano solo l’anticipazione di quanto sarebbe venuto il giorno dopo. “A Federica Salsi e Giovanni Favia – ha annunciato infatti Grillo nella tarda mattinata di mercoledì – è ritirato l’utilizzo del logo del Movimento 5 Stelle. Li prego di astenersi per il futuro a qualificare la loro azione politica con riferimento al M5S o alla mia figura. Gli auguro di continuare la loro brillante attività di consiglieri”.
Mettiamo una cosa in chiaro: chi si iscrive ad un partito, lo fa per i motivi più disparati. Perché prova simpatia per il leader, perché è in linea con il programma politico promosso o quant’altro. Insomma, perché ritiene che quel dato movimento o partito possa essere la soluzione ai problemi e ai mali del Paese. Ma nel rapporto tra un iscritto e un partito può accadere una cosa: può succedere che il primo non si trovi più d’accordo con il secondo. In casi simili la soluzione, in un sistema democratico, è rappresentata dal confronto tra le due parti.
Perché democrazia è anche discussione con chi non la pensa come noi. In democrazia non ci si parla addosso, non si urla da dietro una telecamera e, soprattutto, non si caccia “fuori dalle palle” chi non la pensa come noi. Un partito può allontanare un iscritto, è vero. Ma è il modus operandi che fa la differenza. E il metodo usato per mandare via Giovanni Favia e Federica Salsi proprio non ci va a genio. Non parliamo del post pubblicato sul blog del comico genovese, quanto piuttosto del tono utilizzato.
Quindi, prima di farsi vedere dalle parti di Palazzo Madama o Montecitorio, sarebbe meglio un po’ di esercizio su come si gestisce democraticamente un movimento. Perché se questa è la democrazia che vogliono proporci, viene da chiedersi dove sia la differenza con il passato.

 

1 Commento per “E Beppe Grillo passò alle epurazioni”

  1. Comacchio 13-12-2012
    Sardini Gianantonio (SRDGNT44M30F205J) Beppe Grillo
    Via alpi orientali nord 127
    44022 Comacchio (lido di pomposa)
    Tel.0533381567 Bel.339 4583850
    Riforme riscrittura leggi Italiane.
    1° Lavoro Ripristino ILVA e ALCOA decreto riattivare con delega di ripristino.
    2° legge stipendi,massimo e pensioni,massimo € 4500,00 (attenzione le attuali leggi devono essere modificate per raggiungere il versamento dei contributi inerenti ala somma percepita.
    3° eliminazione delle spese per sostenimento servizio,sede legale Roma,sede amministrazione domicilio fiscale (ES Milano, il trasferimento è di obbligo nella sede di Roma)
    4° i partiti nelle elezioni devono avere un massimo del 30% dei votanti avendo diritto se tale somma non viene raggiunta, i partiti devono eliminare i simboli,esistenti, formare nuovi partiti à rotazione la presidenza degli stessi iscritto massimo tre anni, rinnovabile di ulteriore tre anni dopo la scadenza nel sesto anno,non più rinnovabile nel partito con mansioni di ricerca e collaborazione con gli stessi.
    5°lavoro e sistema, la produzione dei consumi in Italia,impostazione dal estero non oltre il 30%,agricoltura, automobile,abbigliamento e manifatturiere, tutte produzione in genere prodotte in Italia.
    6° finanziamento alle varie tipologie come la agricoltura e enti in difficoltà devono essere finanziati ma aiutati con prestiti à tasso agevolata ma da pagare, vedi ristrutturazioni tasso à scalare vedi fatturazione di base triplicate, vedi panelli solari e fotovoltaico.
    Ce da lavorare ma ti serve gente nei settori di imprenditoria.
    Ti saluto vedo da fare l’iscrizione ha Comacchio Sardini Gianni

Scrivi una replica

News

Ambiente, nel 2019 emissioni gas serra Ue in calo del 3,7% su base annua

Nel 2019 le emissioni di gas a effetto serra dell’Unione europea – il dato include il trasporto aereo – sono scese del 3,7% su base…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: in Italia dal 1° al 29 novembre, quasi 801mila casi

Un bilancio sull’andamento della pandemia in Italia negli ultimi 30 giorni rivela che i casi di infezione da SARS-CoV-2 registrati ufficialmente sono stati 800.953, 22.712…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inflazione, Istat: «Resta negativa, a novembre -0,2%»

«Secondo le stime preliminari, nel mese di novembre 2020 l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registra una…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 62,8 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 62.829.641. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

30 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia