Commercio estero, Istat: “A ottobre aumenta l’import: +0,8%” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Commercio estero, Istat: “A ottobre aumenta l’import: +0,8%”

“A ottobre si rileva, rispetto al mese precedente, un contenuto aumento per le importazioni (+0,8%), mentre le esportazioni risultano stazionarie”. Lo rende noto, attraverso un comunicato, l’Istat.
“Tale stazionarietà è la sintesi di una contenuta crescita congiunturale delle esportazioni sui mercati extra Ue (+0,7%) e di una lieve flessione di quelle sui mercati Ue (-0,6%). In aumento sono soprattutto le vendite di beni strumentali (+2,1%), mentre i beni di consumo durevoli mostrano una notevole flessione (-5,4%).
L’aumento congiunturale delle importazioni è relativamente più accentuato per i paesi extra Ue (+1,1%) rispetto a quelli Ue (+0,4%). In particolare, sono in forte crescita gli acquisti di beni strumentali (+5,3) e in rilevante flessione le importazioni di beni di consumo durevoli (-4,0%).
A ottobre si registra un ampio incremento tendenziale per le esportazioni (+12,0%), mentre l’incremento dell’import è molto contenuto (+0,8%). A fronte di una crescita pressoché simile dei valori medi unitari, i volumi esportati sono in forte espansione (+8,6%), quelli importati in contrazione (-3,2%).
A ottobre l’avanzo commerciale è pari 2,5 miliardi, determinato da un surplus di 1,5 miliardi con i paesi extra Ue e di un miliardo con i paesi Ue. Nei primi dieci mesi dell’anno il saldo complessivo, sostenuto dall’ampio avanzo nell’interscambio di prodotti non energetici (+60,2 miliardi), risulta positivo e pari a 6,5 miliardi.
Rispetto a ottobre 2011, l’aumento delle vendite risulta diffuso ed è più accentuato per paesi OPEC (+39,3%), Giappone (+31,5%) e paesi ASEAN (+30,3%). Rilevante è l’espansione delle vendite di prodotti petroliferi raffinati (+36,8%), di articoli sportivi, giochi, strumenti musicali, preziosi, strumenti medici e altri prodotti n.c.a. (+15,8%) e di prodotti alimentari, bevande e tabacco (+14,9%).
È sostenuta la crescita degli acquisti dai paesi OPEC (+19,4%) e dalla Turchia (+18,9%), mentre sono in forte flessione le importazioni dai paesi Mercosur (-21,5%) e dal Giappone (-17,0%).
L’aumento delle vendite di prodotti petroliferi raffinati verso i paesi OPEC e la Francia e di macchinari e apparecchi verso i paesi OPEC contribuiscono – conclude la nota – per oltre un punto percentuale all’aumento tendenziale dell’export”.

 

Scrivi una replica

News

«Durante la pandemia il 13% degli over 45 ha provato depressione per la prima volta»

Il biennio pandemico ha messo a dura prova la salute mentale di molte persone. Lo conferma uno studio coordinato dall’Università di Toronto, in Canada, pubblicato…

25 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inquinamento: nel 2020, nell’Ue, 238 mila morti premature a causa dell’inquinamento da polvere sottili

Nel 2020, nell’Unione europea, sono state registrate 238 mila morti premature a causa dell’inquinamento da polvere sottili. Lo denuncia l’Aee, l’Agenzia europea dell’ambiente, sottolineando che…

25 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stoltenberg: «Putin sta fallendo, per questo compie attacchi brutali»

«Vladimir Putin sta fallendo in Ucraina e dunque procede con maggiore brutalità, attaccando gli obiettivi civili, privando le persone di luce, acqua e cibo: per…

25 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cremlino: «Kiev non riconquisterà la Crimea»

«L’Ucraina non riconquisterà la Crimea». Lo ha affermato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, citato dalla Tass, rispondendo a quanto affermato dal presidente ucraino Volodymyr…

25 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia