Crisi e disoccupazione, ma l’Italia non investe nella ricerca | T-Mag | il magazine di Tecnè

Crisi e disoccupazione, ma l’Italia non investe nella ricerca

La struttura produttiva italiana continua ad essere caratterizzata da una larga presenza di micro-imprese (con meno di 10 addetti), rappresentative del 94,8% delle imprese attive. Questo è quanto emerge dalla lettura dell’annuario statistico dell’Istat che, prendendo a riferimento il 2009, sottolinea come la dimensione media delle aziende attive sul nostro territorio si mantenga stazionaria negli ultimi anni, intorno a un livello di 3,9 addetti per impresa.
Ma questo accade per le aziende ancora in vita, molte altre invece sono state costrette a chiudere i battenti a causa delle difficoltà scaturite dalla crisi economica e finanziaria che sta colpendo l’eurozona e l’economia mondiale.
Detto questo, il dato delle imprese che falliscono non deve essere assolutamente preso sotto gamba. Perché ad ogni impresa che smette di produrre corrisponde, purtroppo, un aumento del numero delle persone senza un’occupazione.
E’ necessario, quindi, trovare una soluzione che ponga fine alla chiusura delle aziende. Solo così si potrà bloccare l’aumento della disoccupazione e, magari, stimolare le imprese a creare nuovi posti di lavoro. Il problema potrebbe essere risolto in parte attraverso l’aumento dei fondi destinati alla ricerca, che contribuirebbero a rendere le nostre aziende competitive e all’avanguardia. Fattori non secondari in un mercato che deve affrontare sempre nuove sfide. Tuttavia, le rilevazioni dell’Istat ci raccontano di un’Italia lontana anni luce da quanto abbiamo auspicato fino ad ora. Il nostro Paese, infatti, è uno dei membri dell’Unione europea che investe di meno nella ricerca, con un investimento pari all’1,26% del Prodotto Interno Lordo contro la media Ue del 2.01% del Pil. Tra i paesi dell’Unione hanno fatto peggio solo Ungheria, Lituania, Polonia, Malta, Bulgaria, Cipro, Slovacchia, Romania e Lettonia. Ben al di sopra della media europea, invece, troviamo Finlandia, Svezia e Danimarca, che si distinguono per investimenti superiori al 3% del Pil. Investono leggermente di meno, ma sempre al di sopra della nostra media, Francia, Germani, Belgio e Slovenia, con un media intorno al 3%.
Questo risultato decisamente negativo nasce dalla scarsa quantità di denaro dedicato alla ricerca. Nel 2009, riferisce l’Istat, l’Italia ha investito in ricerca 19.209 milioni di euro. Dal computo in questione, è necessario sottolineare, si considerando i finanziamenti da parte di imprese, istituzioni pubbliche, istituzioni no profit, università.

 

1 Commento per “Crisi e disoccupazione, ma l’Italia non investe nella ricerca”

  1. Systolic Blood Pressure Visual Studio Diastolic diabetes communicator insulin and physical activity How Is Amoxicillin Metabolized [url=http://archive.org/details/PhentermineWithoutPrescriptionOnline ]Phentermine Topiramate Vivus Inc[/url]. Prilosec Dosage Procter And Gamble Picture Of Blood Pressure Machines For Sale Pros Cons Acai Berry Fda Approval Clopidogrel Bisulfate . Ovulation And High Blood Pressure Menstrual Cycles Gaba Neurotransmitters And Caffeine . Best Management For Erectile Dysfunction Domperidone For Breastfeeding Dosage [url=http://archive.org/details/OxycodoneOnlineNoPrescription ]Metoprolol Succinate Er By Oxycodone[/url] Life Weight Loss Herbalife Preventing Mellitus Gestational Diabetes Acai Berry Blast Gnc No Prescription Dilantin Online Buy Cheap

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello mondiale i contagi sfiorano i 64,4 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 63.396.852. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

1 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, auto contro pedoni a Treviri: due morti e diversi feriti

Un’auto ha investito diverse persone nella zona pedonale della città di Treviri, in Germania. Secondo le prime notizie ci sono almeno due morti e diversi…

1 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regionali, in Calabria si torna alle urne il 14 febbraio 2021

In Calabria si torna alle urne il 14 febbraio 2021 per le elezioni Regionali. Lo prevede un decreto firmato dal presidente facente funzioni Nino Spirlì.…

1 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a novembre mortalità media in aumento nei principali comuni italiani

Tra il 1° e il 15 novembre, è stato registrato un aumento della mortalità giornaliera nei principali comuni italiani. Lo riferisce un monitoraggio del ministero…

1 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia