Ricerca Tecnè: identikit dell’elettore 2013 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Ricerca Tecnè: identikit dell’elettore 2013

Nonostante il “palinsesto” delle liste e possibili alleanze non sia ancora completo, gli elettori iniziano ad avere un’idea abbastanza chiara di chi scegliere alle prossime votazioni politiche. La ricerca I flussi di consenso delle principali forze politiche elaborata dall’istituto di ricerca Tecnè indaga sulle conferme e le migrazioni di voti rispetto alla passata consultazione.
Flussi elettorali. L’elettore di oggi del Pd ha votato per la stesso partito, o coalizione, di centro sinistra anche alle politiche 2008. Il principale spostamento in entrata viene, infatti, da sinistra (8%) e dall’area del non voto (17%). Il partito di Bersani gode di un elettorato solido ed espande il proprio perimetro, conquistando consensi. La ricerca Tecnè conferma che il Movimento 5 Stelle è il contenitore per chi ha abbandonato i partiti principali. Il bacino elettorale di Grillo è, infatti, composto per il 46% da delusi del centrodestra e per il 32% del centrosinistra. I consensi del partito di Berlusconi si sono prosciugati rispetto al passato (poco più del 6% dell’intero corpo elettorale) ma conta una quota di fedelissimi che provengono da un’area decisamente spostata a destra e contraria all’euro e all’Europa, la stessa che lo aveva sostenuto nel 2008. Le rilevazioni fotografano per il Pdl una sostanzialmente una migrazione in uscita di voti e una scarsa capacità di attrarre preferenze dalle altre formazioni. L’elettore della lista Monti infine è un ex Pdl (40%) o un elettore che non aveva partecipato alle elezioni 2008 (23%).
Mentre chi sperava di trovare alle politiche 2013 un partito in stile Ppe europeo però, rimarrà senza rappresentanza.
“Un’eventuale lista Monti – spiega Carlo Buttaroni, sociologo e presidente di Tecnè – in cui far confluire l’Udc, il Fli e l’Italia Futura, gli eredi più prossimi ai popolari europei, rappresenterebbero una quota pari al 27% della base elettorale. Mentre se il ‘partito montiano’ diventasse la nuova casa degli ex pidiellini, resterebbe comunque ampiamente minoritario rispetto al centrosinistra e non costituirebbe l’embrione di un partito dei moderati. Questo, almeno per adesso, considerando lo scenario che continua a proporre dissolvenze più che protagonisti in grado di modificare gli assetti politici”.

 

Scrivi una replica

News

Vaccini, nel mondo somministrate 4,18 miliardi di dosi

Sono più di 4,18 miliardi le dosi di vaccino anti Covid-19 somministrate in tutto il mondo, con il nostro Paese al quarto posto per la…

2 Ago 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Strage di Bologna, Mattarella: «Colpo al cuore della Repubblica»

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione del 41° anniversario della strage di Bologna, ha rilasciato la seguente dichiarazione: «Quarantuno anni fa la città…

2 Ago 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Covid-19, Oms: superati i 60 milioni di contagi in Europa

Secondo le ultime stime dell’Organizzazione mondiale della sanità, in Europa i contagi da Covid-19 hanno superato quota 60 milioni. «La fine della pandemia non è…

2 Ago 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coldiretti: da maltempo danni per decine di milioni di euro

Sale a decine di milioni di euro il conto dei danni nelle campagne in una pazza estate l’ultima perturbazione che ha investito a macchia di…

2 Ago 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia