Fratelli Grimm: 200 anni da fiaba, ma per grandi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Fratelli Grimm: 200 anni da fiaba, ma per grandi

di Martina Marotta

“Tutti i grandi sono stati bambini una volta”, recitava Antoine de Saint-Exupéry. E tutti i bambini conoscono i fiabeschi racconti della buonanotte, o almeno la versione censurata di ognuna di esse. Già, perché dietro ogni favola folkloristica entrata nell’immaginario collettivo, per lo più grazie ai lungometraggi d’animazione Disney, si nasconde una violenta e talvolta sanguinaria metafora della vita.
Due degli autori e ri-elaboratori più importanti di fiabe folkloristiche sono stati i fratelli Grimm, che giovedì Google ha voluto ricordare, a 200 anni dall’uscita della prima edizione loro libro “Kinder- und Hausmärchen” (in Italia “Fiabe”), con un Doodle speciale sulla fiaba di Cappuccetto Rosso: storia che il motore di ricerca ha voluto rendere più soft rispetto all’originale, nella quale al lupo viene squartato il ventre per liberare Cappuccetto Rosso e la nonna.
E’ importante ricordare che prima di essere scrittori, Jacob Ludwig Karl Grimm e suo fratello Wilhelm Karl Grimm erano linguisti e filologi tedeschi.
Nati in provincia di Francoforte, a Hanau, i Grimm divennero in età adulta professori presso l’Università di Gottinga e si batterono contro l’abrogazione della costituzione liberale dello stato di Hannover imposta dal re Ernesto Augusto I: i due e gli altri cinque professori che avevano preso parte alla protesta vennero licenziati, tuttavia dopo quest’episodio si guadagnarono la simpatia e la solidarietà del popolo e ancora oggi vengono considerati i promotori del movimento democratico tedesco.
Ciò che però li rese immortali, letterariamente parlando, fu appunto la loro raccolta di fiabe folkloristiche tedesche e francesi, che essi trascrissero e rivisitarono. A leggere il loro famoso libro si rimane però sconcertati nell’apprendere che di fiabe per bambini non ce n’è neanche l’ombra: tutte le storie, infatti, sono piene di elementi inquietanti e oscuri che dimostrano cosa è possibile che accada se non si rispettano le regole imposte, e quale sia il giusto comportamento da seguire per avere una vita lunga e felice.
Basti pensare alla fiaba ripresa oggi da Google, Cappuccetto Rosso: per molti studiosi, Charles Perrault incluso, la fiaba non è altro che la metafora della sessualità di una donna, con il famoso mantello rosso a simboleggiare le mestruazioni, il bosco la femminilità, e il lupo l’uomo.
Quello che contraddistingue i Grimm rispetto ad altri autori e linguisti “fiabeschi”, come già detto in precedenza, sono i contenuti altamente gore e sanguinolenti ma talvolta ridimensionati sull’argomento sesso, il cui rimando in certe opere è più sottinteso e meno esplicitato rispetto alle storie originali tramandate per via orale. Anche il tema della religione è particolarmente ricorrente, ed è solo questo tipo di racconti che è diretto anche ad un pubblico infantile.
E così nella fiaba di Cenerentola le sorellastre, pur di far calzare la scarpetta di cristallo, vengono obbligate dalla madre a tagliarsi le dita dei piedi, in Biancaneve la matrigna viene costretta dalla principessa e suo marito ad indossare delle scarpe di ferro arroventate e a ballare fino a che non cade morta, ne Il pifferaio magico di Hamelin il pifferaio attira dentro una caverna tutti i bambini del villaggio e li lascia lì a morire: fiabe che, piuttosto che sollecitare il sonno ai più piccoli, farebbe venir loro tremendi incubi.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Di Maio: «Il 16 maggio credo sia una data auspicabile per superare il coprifuoco»

«Credo sia una data auspicabile per superare il coprifuoco». Così il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, riferendosi al 16 maggio, nel corso di un…

7 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cultura, Vibo Valentia è la “Capitale italiana del Libro 2021”

Vibo Valentia è la “Capitale italiana del Libro 2021”. Lo ha annunciato il presidente della Giuria, Romano Montroni, comunicandolo al ministro della Cultura, Dario Franceschini,…

7 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Vaccini, Erdogan: «Scienza è bene comune dell’umanità»

«La scienza è un bene comune dell’umanità, non devono esserci gelosie. Quando sarà pronto, la Turchia condividerà con tutti il suo vaccino contro il Covid-19».…

7 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre 414mila nuovi casi in 24 ore in India

Sono stati 414 mila i nuovi casi di coronavirus registrati in India, dove purtroppo ci sono state anche 3.914 decessi.…

7 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia