I cittadini e le nuove tecnologie | T-Mag | il magazine di Tecnè

I cittadini e le nuove tecnologie

di Mirko Spadoni

Resta stabile il numero delle famiglie che possiedono un accesso ad Internet (55,5%) e un personal computer (59,3%). Questo è quanto emerge dall’indagine condotta dall’Istat, che rileva però l’aumento della quota delle famiglie che accedono alla rete attraverso la banda larga. Nel 2012, infatti, si è passati al 48,6% dal 45,8% registrato nell’anno precedente.
Un nucleo familiare su sei possiede quindi un pc, ma sono quelle con almeno un minorenne ad essere le famiglie più tecnologiche. L’83,9% possiede un personal computer, il 79% ha accesso a Internet e il 70,8% utilizza per questo una connessione a banda larga.
Completamente diversa è la situazione per quanto riguarda le famiglie di soli anziani di 65 anni e più, che presentano “modesti livelli di dotazioni tecnologiche”. L’Istat rileva infatti che appena il 13,9% di esse possiede il personal computer e soltanto l’11,8% dispone di una connessione per navigare in Internet.
Il divario tecnologico non è però determinato solo dall’età media del nucleo familiare. Si registra, infatti, una netta differenza anche a seconda del territorio e alle differenze sociali.
Cerchiamo di capire meglio cosa intendiamo: stando ai dati raccolti dall’Istat, le famiglie del centro-nord che dispongono di un accesso a Internet sono il 58,1%, mentre rappresentano il 51,4% quelle che dispongono di una connessione a banda larga, a fronte del 49,6% e del 41,2% registrati nel Meridione.
Mentre se si passa a confrontare la disponibilità di un personal computer, di un accesso a Internet e di una connessione a banda larga, il divario tra le famiglie in cui il capofamiglia è un operaio e quelle in cui è un dirigente, un imprenditore o un libero professionista risulta di circa 17 punti percentuali a favore di questi ultimi.
I dati Istat rilevano quindi una cosa: non tutte le famiglie hanno un accesso ad Internet. Ma quali sono i motivi? Il 43,3% delle famiglie dichiara di non possedere l’accesso a Internet perché non ha le competenze per utilizzarlo; il 26,5% considera Internet inutile e non interessante, il 15,8% non ha accesso a Internet da casa per motivi economici legati all’alto costo degli strumenti o del collegamento, il 13% perché accede da un altro luogo.

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, Von der Leyen: «Se Mosca attacca, pronte sanzioni»

«Noi speriamo che l’attacco all’Ucraina non ci sia, ma se ci sarà noi siamo pronti. Non accettiamo il ritorno alle sfere d’influenza in Europa e…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cremlino: non escluso nuovo colloquio Putin-Biden

Nonostante il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, abbia in un primo momento criticato le parole di Biden di ieri perché «possono facilitare la destabilizzazione della…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, obbligo vaccinale spinge le prime dosi tra gli over 50

Tra il 12 e il 18 gennaio, sono state somministrate 128.966 prime dosi di vaccino nella fascia d’età over 50, pari al 28,1% in più…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giornalismo: è morto Sergio Lepri, ex direttore dell’Ansa

È morto Sergio Lepri, giornalista e direttore dell’agenzia di stampa Ansa dal 1962 al 1990. Aveva 102 anni. Era nato a Firenze nel 1919 e…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia