In fuga dall’Italia (dopo la laurea) | T-Mag | il magazine di Tecnè

In fuga dall’Italia (dopo la laurea)

E’ il Regno Unito la meta preferita da quel 27,6% di laureati italiani che lascia il Paese appena portati a termine gli studi. Un numero questo che segna il netto aumento rispetto a circa dieci anni prima, quando i laureati emigrati all’estero erano l’11,9% del totale.
Nel dettaglio il Rapporto presentato dall’Istat su Migrazioni internazionali e interne della popolazione residente sottolinea come il numero degli emigranti italiani over 25 oscilli tra le 29 mila e le 39 mila unità e le mete preferite risultino essere la Germania, la Svizzera, il Regno unito e la Francia. Questi Paesi, tutti insieme, arrivano ad assorbire addirittura il 44% degli emigrati italiani. Se si considerando l’immigrazione nei singoli Paesi la graduatoria vede al primo posto il Regno Unito che accoglie l’11,9% degli emigrati laureati, seguito da Svizzera con 11,8%, Germania con 11% e la Francia con 9,5%.
Spostandoci al di fuori dei confini europei, come mete abituali, troviamo il Brasile e gli Stati Uniti d’America.
Considerando invece i rientri in patria troviamo ai primi posti Germania e Svizzera con a seguire il Regno Unito, gli Stati Uniti e la Francia. Nel giro degli ultimi dieci anni si è invertito il flusso di emigrazione in base al titolo di studio: cresce il numero degli emigranti laureati e si contrae il numero degli emigranti senza titolo di studio.
Il numero di spostamenti all’estero dei neolaureati è passato infatti dall’11,9% del 2002 al 27,6% del 2011 mentre, per quanto riguarda gli over 25 senza titolo di studio, il tasso di espatri è passato dal 51% del 2002 a 37,9% del 2011.
Anche la quota degli iscritti laureati aumenta: si passa dal 13,7% del 2002 al 25,9% del 2011. Diminuisce invece la quota di iscritti che possiede solamente la licenzia media: dal 66,7% del 2002 al 48% del 2011.

 

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, la Corte Suprema ha abolito la sentenza che garantiva il diritto all’aborto

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha abolito la sentenza Roe v. Wade con cui nel 1973 la stessa Corte aveva reso legale l’aborto negli…

24 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: «Grazie alle misure che si stanno pensando, non vi sarà un’emergenza energetica in inverno»

«Le misure che si stanno pensando assicurano che non vi sia emergenza» energetica «durante l’inverno». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, intervenendo in conferenza…

24 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: «Siamo impegnati a proteggere e sostenere il potere d’acquisto degli italiani»

«Nell’area dell’euro, soprattutto a causa dei prezzi dell’energia e dell’inflazione, le previsioni sono di un rallentamento un po’ in tutti i Paesi. Noi siamo impegnati…

24 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Quarantacinque località balneari italiane premiate con le 5 Vele da Legambiente e il Touring Club Italiano

Quest’anno Legambiente e il Touring Club Italiano hanno assegnato 45 Vele ad altrettante località balneari italiane. La Sardegna, con sei comprensori a Cinque Vele, la…

24 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia