Provaci ancora, Kim Dotcom | T-Mag | il magazine di Tecnè

Provaci ancora, Kim Dotcom

di Matteo Buttaroni

Kim Dotcom, creatore di Megaupload, ci riprova. A circa un anno dal suo arresto per pirateria informatica e alla relativa chiusura di Megaupload e Megavideo e, di conseguenza, alla confisca di tutti beni acquistati tramite i proventi della sua attività criminosa l’imprenditore neozelandese lancia in rete la sua nuova creatura: Mega.
A differenza del primo sito, di cui deteneva la maggioranza quasi assoluta, il nuovo Mega sarà interamente gestito da Doctom. Questa volta si tenterà di puntare su un’apparente situazione di totale legalità: il neozelandese di origine tedesca garantirà la condivisione di file senza che l’azienda che ospita i server possa essere considerata complice di una qualche violazione dei diritti che proteggono i dati. Il sito, strutturato come un comune cloud alla pari di Dropbox o iCloud di Apple, sarà crittografato, senza lasciare agli amministratori le chiavi di decodifica dei singoli file.
L’utente sarà quindi il l’unico gestore del servizio e quindi anche l’unico responsabile della gestione dei file e degli accessi. Inoltre sarà l’utente stesso a fornire le password agli utenti che decideranno di accedere al suo profilo.
In parole povere Dotcom, proprietario della palazzina Mega, affitterà i suoi appartamenti virtuali (cloud da 50 Gb) e nel caso in cui i suoi inquilini decidessero di subaffittare le stanze (i file), lui non potrà essere considerato complice. Detta così, la sua pare essere un’ottima mossa.
Non la fu per la precedente piattaforma, Megaupload. Qualche dubbio sulla chiusura e sul sequestro dei server, ancora oggi c’è. L’ipotesi più probabile è che qualche casa discografica o di produzione cinematografica, vista la concorrenza sleale, si sia fatta sentire. Sta di fatto che il 19 gennaio del 2012 il Dipartimento di Giustizia statunitense mise il sito sotto sequestro per violazione di copyright e pirateria informatica e lo stesso Dotcom fu messo agli arresti domiciliari. Magari un’occasione, per l’eroe di molti internauti, per passare un po’ di tempo a casa a studiare un nuovo modo per ripristinare il suo servizio messo online il 20 gennaio. Ma perché prima Dotcom poteva essere ritenuto colpevole e ora no? Perché il vecchio Megaupload è un sito di hosting, ovvero un vero e proprio archivio di file caricati dallo staff Megaupload, mentre nel nuovo Mega l’archivio lo fanno gli stessi utenti.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, nel mondo quasi 32 milioni di persone contagiate

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 31.896.433 A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

24 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Ue: «In alcuni Paesi membri la situazione è peggiore rispetto al picco di marzo»

In alcuni Paesi membri dell’Unione europea «la situazione Covid è anche peggiore del picco di marzo». Lo ha detto la commissaria europea alla Salute, Stella…

24 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

S&P Global Ratings ha migliorato le stime di crescita dell’economia italiana per il 2020 e il 2021

Nel 2020, il Prodotto interno lordo dell’Italia calerà dell’8,9% su base annua per poi tornare a crescere del 6,4% l’anno successivo. Lo prevede S&P Global…

24 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Hong Kong: arrestato Joshua Wong, uno tra i principali esponenti dell’opposizione

Joshua Wong – 23 anni e uno dei leader dell’opposizione di Hong Kong – è stato arrestato. Lo ha reso noto il suo avvocato, sottolineando…

24 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia