Crisi economica, Cia: “Nel 2012 consumi alimentari come venti anni fa” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Crisi economica, Cia: “Nel 2012 consumi alimentari come venti anni fa”

“La crisi economica si siede a tavola e cambia il menù degli italiani, portando i consumi alimentari ai livelli di venti anni fa. Nel 2012 il 60 per cento delle famiglie è stato costretto a ridurre gli acquisti e a cambiare menù, mentre il 38 per cento ha optato per prodotti di qualità inferiore e il 35 per cento è andato a caccia di “promozioni”, sempre più frequenti nella nostra catena distributiva. Non solo. Poco meno del 15 per cento ha rinunciato a pranzi e cene fuori dalla mura domestiche (ristoranti, trattorie, tavole calde, fast food, pizzerie).E’ quanto sottolinea la Cia-Confederazione italiana agricoltori in merito ai dati Istat e all’indagine di Rete Impresa Italia.
E così sulle tavole degli italiani diminuiscono carne, pesce, frutta,ortaggi e vino. In crescita pasta, uova e pane. Oggi -ricorda la Cia- due famiglie su tre riescono ad arrivare a fine mese solo con tagli radicali sugli acquisti, compresi quelli alimentari. Sono cifre allarmanti, che fotografano una situazione critica, in cui le famiglie subiscono i pesanti effetti del carico fiscale e delle tariffe energetiche, da una parte, e il calo del reddito imponibile, dall’altra.
Si tratta di un doppio problema -continua la Cia- che si traduce in un crollo di oltre il 4 per cento del potere d’acquisto, a cui gli italiani rispondono portando i consumi a livello di vent’anni fa. Quando non si riducono le quantità dei prodotti acquistati al supermercato, sicuramente si allungano i tempi davanti allo scaffale, dove si mettono in atto sempre più spesso strategie differenti, tutte volte al risparmio: il 53 per cento dei consumatori gira più di un negozio alla ricerca di sconti, promozioni e offerte speciali; il 42 per cento privilegia le grandi confezioni o formati convenienza; il 32 per cento abbandona le grandi marche per prodotti più economici “senza firma” e il 24 per cento ricomincia a fare “cucina di recupero” con gli avanzi della cucina, per evitare del tutto gli sprechi.
Ma per uscire dal tunnel della crisi è fondamentale che la prossima legislatura metta ai primi posti della sua agenda politica dei seri provvedimenti di sostegno ai consumi, per aiutare le famiglie e per dare inizio a una ripresa economica ormai non più rimandabile”, lo riporta la Confederazione italiana agricoltori in un comunicato stampa.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 178,5 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 178.554.302. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

21 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Svezia, il Parlamento sfiducia il premier Lofven

Il primo ministro svedese, il socialdemocratico Stefan Lofven, è stato sfiduciato questa mattina in un voto in Parlamento: si tratta del primo nella storia politica…

21 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bielorussia, Borrell: «Sanzioni a 86 persone e 4 compagnia»

«Stamani con i ministri degli Esteri dell’Unione europea avremo un incontro con la leader dell’opposizione bielorussa, Svetlana Tikhanovskaya, che spiegherà la situazione nel Paese e…

21 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, regionali flop: trionfano i gollisti. Male Le Pen e Macron

Nella prima giornata delle regionali in Francia, a trionfare sono i neogollistti di Les Republicains, vincitori del primo turno di ballottaggio con il 28,4% dei…

21 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia