Un “calcio” alla crisi economica | T-Mag | il magazine di Tecnè

Un “calcio” alla crisi economica

di Matteo Buttaroni

Se c’è un settore che non teme la crisi economica, quello è sicuramente il calcio. Almeno quello praticato ad alti livelli, quello “delle grandi”. A confermarlo è il rapporto annuale della Deloitte. Questo rapporto, basato sui bilanci societarì delle prime venti squadre mondiali, evidenzia come i ricavi del calcio nella stagione 2011/2012 abbiano registrato una crescita del 10%, pari a 4,8 milioni di euro. Basti inoltre pensare che i ricavi, rispetto alle prime registrazioni risalenti al 1996/97, sono quasi quadruplicati.
Tuttavia c’è da sottolineare che il rapporto non tratta il tema riguardante gli utili e le perdite delle società.
Veniamo ora alle squadre che si sono aggiudicate la “top twenty” premettendo che si tratta di sette club inglesi, cinque club italiani, quattro tedeschi, due francesi e due spagnoli. Sebbene la Spagna ne abbia solo due, entrambe si piazzano sul podio: il Real Madrid con 512 milioni di euro è primo, registrando una crescita rispetto all’anno precedente del 7%. Stesso aumento anche per il Barcellona che con 483 milioni di euro si piazza al secondo posto.
L’ultimo gradino del podio è occupato, con 396 milioni, dal Manchester United. Il quarto posto è invece del Bayern Monaco con 368 milioni seguito al quinto dal Chelsea con 322 milioni. Seguono a ruota Arsenal, con 290 milioni e Machester City con 285 milioni.
I cinque club italiani nella classifica sono Milan, Juventus, Inter, Roma e Napoli.
Milan e Juventus, rispettivamente con 257 e 195 milioni di euro si guadagnano l’ottava e decima posizione, mentre il Napoli passa dalla 20esima alla 15esima, con 148 milioni e la Roma scende dal 15esimo al 19esimo con 115 milioni di euro.
Dan Jones, specializzato nello sport per Deloitte, spiega che l’industria “del calcio riprende a crescere a cifra doppia dopo l’aumento del 3% del 2010/11, vince la fedele base di tifosi e appassionati e quindi la capacità di catturare audience derivante dai broadcasting e di attrarre grandi aziende come partner e sponsor”.

 

1 Commento per “Un “calcio” alla crisi economica”

  1. […] calcistiche degli ultimi tre anni. I conti, quindi, non tornerebbero. Eppure solo qualche tempo fa, avevamo già affrontato l’argomento e la situazione non sembrava così drammatica, almeno per i grandi club. Le troppe spese, legate […]

Scrivi una replica

News

Usa-Germania, incontro Biden-Merkel il 15 luglio

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, riceverà la cancelliera tedesca Angela Merkel alla Casa Bianca il prossimo 15 luglio. Lo ha riferito il portavoce…

11 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia: «Ad aprile, prestiti a famiglie, settore privato e società non finanziarie in crescita»

Ad aprile, i prestiti al settore privato, alle famiglie e alle società non finanziarie sono aumentati. Lo rende noto la Banca d’Italia, riferendo i dati…

11 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Russia: la Banca centrale russa ha alzato i tassi

La Banca di Russia, la banca centrale russa, ha aumentato i tassi dello 0,5%, alzando il costo del denaro al 5,5%. Confermate le previsioni degli…

11 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito: ad aprile, frena la produzione industriale

Ad aprile, la produzione industriale britannica ha registrato un calo inatteso. Lo comunica l’Office National of Statistics, l’ufficio nazionale di statistica britannico, riferendo un calo…

11 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia