La grande crisi del cinema | T-Mag | il magazine di Tecnè

La grande crisi del cinema

di Matteo Buttaroni

Anche il mondo del cinema a quanto pare risente pesantamente della crisi economica. E’ anche possibile che il profondo rosso segnato dalla vendita dei biglietti in Italia sia dovuto anche alla mancata presenza di film di alto gradimento. Ma tutto ciò suona un po’ male visti i film, giudicati positivamente dalla critica, che sono usciti nelle nostre sale negli ultimi tempi.
Fatto sta che la crisi c’è e a testimoniarlo sono i dati diffusi da Cinetel: a gennaio 2013 sono stati venduti 10,56 milioni di biglietti, il 23% in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Di consueguenza un calo pesante è stato riscontrato negli incassi, che si sono fermati a 64 milioni e 885 mila, il 24% in meno rispetto a gennaio 2012. Quest’ultimo dato rappresenta il peggior risultato degli ultimi cinque anni.
Secondo Cinetel rispetto al 2011, anno in cui si raggiumse il risultato migliore, il crollo è stato pari al 47%.
In particolare si nota un calo nella vendita dei biglietti di pellicole Made in Italy: dal 48% del 2012 si è passati al 34% dell’anno corrente.
Di contro cresce invece la vendita di biglietti per film d’oltreoceano: le quote relative alle vendite di biglietti per la visione di film americani passano dal 32% dello scorso anno al 58% registrato a gennaio 2013.
Rispetto alle pellicole di successo del gennaio 2012 si riscontra un calo del 33% anche nell’incasso relativo ai film più visti del 2013.
Nel dettaglio la top ten 2013 vede al primo posto Django – unchained di Quentin Tarantino che totalizza nei botteghini italiani 8 milioni 299 mila euro. Al secondo posto con 7 milioni 833 mila euro troviamo il film di Tornatore, La migliore offerta. Sempre sul podio il film dei fratelli Vanzina, Mai stati uniti, con 5 milioni 355 mila euro di incassi.
Al quarto posto figura Quello che so sull’amore di Gabriele Muccino, con 4 milioni 358 mila euro; seguito da Vita di Pi di Ang Lee, con 3 milioni 795 mila euro; a sua volta seguito da Cloud Atlas dei fratelli Wachowski, con 3 milioni 535 mila euro.
Settimo posto per Jack Reacher – La prova decisiva, con 3 milioni 215 mila; all’ottavo si piazza Lincoln con 2 milioni 743 mila euro.
Nono e decimo sono occupati da Ghost Movie e Lo Hobbit.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 178,5 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 178.554.302. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

21 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Svezia, il Parlamento sfiducia il premier Lofven

Il primo ministro svedese, il socialdemocratico Stefan Lofven, è stato sfiduciato questa mattina in un voto in Parlamento: si tratta del primo nella storia politica…

21 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bielorussia, Borrell: «Sanzioni a 86 persone e 4 compagnia»

«Stamani con i ministri degli Esteri dell’Unione europea avremo un incontro con la leader dell’opposizione bielorussa, Svetlana Tikhanovskaya, che spiegherà la situazione nel Paese e…

21 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, regionali flop: trionfano i gollisti. Male Le Pen e Macron

Nella prima giornata delle regionali in Francia, a trionfare sono i neogollistti di Les Republicains, vincitori del primo turno di ballottaggio con il 28,4% dei…

21 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia