La crisi occupazionale dal 2008 ad oggi | T-Mag | il magazine di Tecnè

La crisi occupazionale dal 2008 ad oggi

di Fabio Germani

Talvolta c’è una responsabilità finanche mediatica, che è quella di riformulare un’agenda setting non tenendo presente dei problemi reali. E nella settimana sanremese, che di fatto però accompagnerà la campagna elettorale, riecheggiano quasi esclusivamente polemiche e battute da stigmatizzare (considerando poi che il 72,4% degli elettori si informa guardando la tv), perché inappropriate a dir poco.
Succede dunque che alcuni dati, diffusi nel fine settimana, restino “inascoltati”. Circostanza per cui vale la pena andarseli a rileggere. Secondo uno studio di Confartigianato, infatti, tra il 2008 e il 2012, si sono persi a causa della crisi economica 818 mila posti di lavoro. In media giornaliera, ciò significa 480 posti in meno ogni 24 ore (ad aprile 2008 gli occupati erano 23 milioni e 541mila, a dicembre 2012 gli occupati erano 22 milioni e 723 milioni).
Entrando nel dettaglio, si scopre che le maggiori ripercussioni di tale situazione riguardano i giovani, in particolare gli under 35, per i quali si rileva una diminuzione del 20%. Detta in altro modo: un milione e mezzo di posti di lavoro in meno. Al contrario, sono aumentati di 600 mila posti gli occupati over 55. Tenendo sempre a mente, però, un fattore dirimente: l’obiettivo fissato dall’Unione europea prevede nel 2020 una quota di popolazione occupata tra 20 e 64 anni pari al 75,0 per cento. Nel 2011 il valore dell’indicatore in Italia (61,2 per cento) è di quasi 14 punti percentuali inferiore a questo traguardo e presenta uno squilibrio di genere molto forte (72,6 per cento per gli uomini e appena il 49,9 per cento per le donne). Dati che spiegano, una volta di più, le preoccupazioni degli italiani registrate recentemente dall’Eurispes: il 64,1% teme di non avere la possibilità di fare progetti per il futuro, il 53,3% dichiara di non essere più in grado con il proprio lavoro di sostenere in modo adeguato la famiglia e il 61,3% dichiara di non riuscire a sostenere spese importanti come l’acquisto di una casa o di un’automobile.

segui @fabiogermani

 

Scrivi una replica

News

Bce: “Ripresa si rafforza ma rimane l’incertezza legata alle varianti”

“L’economia dell’area euro sta gradualmente ripartendo ed è atteso un netto miglioramento nella seconda metà del 2021, via via che i progressi nelle campagne di…

24 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Taiwan: “Dobbiamo prepararci ad un possibile conflitto con la Cina”

“Taiwan deve prepararsi ad un possibile conflitto armato con la Cina”. Lo ha affermato il ministro degli Esteri taiwanese, Joseph Wu, citando la crescente intimidazione…

24 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Miami, crolla palazzo condominiale: si temono diverse vittime

A Miami, più precisamente a Surfside, è crollato un palazzo condominiale nel corso della notte dì mercoledì 23 giugno. Al momento non è ancora chiaro…

24 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, ultima dichiarazione della Merkel al Bundestag

Nella giornata di giovedì 24 giugno, Angela Merkel ha sostenuto la sua ultima dichiarazione governativa al Bundestag, dopo 16 anni da cancelliera. L’ultimo discorso è…

24 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia