Insostenibile la pressione umana sulle risorse idriche | T-Mag | il magazine di Tecnè

Insostenibile la pressione umana sulle risorse idriche

di Matteo Buttaroni

acqua-3“La pressione umana sulle risorse idriche è estremamente elevata e insostenibile per il futuro”, è quanto comunicato dal Wwf in occasione della Giornata mondiale dell’acqua.
Il Wwf ricorda che gli ecosistemi d’acqua dolce ricoprono solo l’1% della superficie del pianeta e ospitano il 7% delle 1,8 milioni di specie conosciute e un quarto dei 60mila invertebrati fino ad oggi scoperti. Le specie animali e vegetali che abitano questi luoghi si estinguono ad una velocità cinque volte superiore a quelle che abitano la terra ferma.
“Su un totale di 1,4 miliardi km³ di acqua disponibile sul Pianeta – evidenzia il Wwf – solo il 2,5% (35 milioni di km³) è costituito da acqua dolce (fiumi, laghi, ghiacciai ecc.), di cui solo meno dell’1% è potenzialmente utilizzabile dall’uomo per le proprie necessità (non tenendo presenti le esigenze di tutte le altre specie che con noi dividono il Pianeta), che invece si appropria del 54% di tutta l’acqua dolce accessibile, di cui il 20% viene usato dall’industria e circa il 70-80% nel mondo – in Italia circa il 60% – è utilizzato per l’agricoltura”.
L’azione umana su questi ambienti produce effetti devastanti. Basti pensare che solo in Europa, negli ultimi 50-100 anni il 60% delle zone umide è andato perso perché non più tutelato o perché “convertito a usi più redditizi.
Complessivamente, l’indice delle acque dolci sull’intero globo è calato, tra il 1970 e il 2008, del 37%. Ancor peggio per le acqua tropicali che è diminuito del 70%. Quello delle acque potabili temperate, invece, del 35%.
La colpa è soprattutto delle industrie. Il settore infatti utilizza in media il 20% delle risorse idriche della Terra. Secondo le stime dell’UNESCO, il volume d’acqua impiegato a scopi industriali passerà dai 752 km cubi l’anno del 1995 ai 1.170 km cubi nel 2025, arrivando a rappresentare circa il 24% del prelievo totale di acqua dolce.
L’industria, inoltre, è responsabile anche dell’accumulo delle 300-500 tonnellate tra metalli pesanti, solventi, fanghi tossici e di altri rifiuti.
Anche il settore agro-alimentare dei paesi ad alto reddito ci mette il suo nell’inquinamento organico in ecosistemi di acqua dolce, tanto da produrre il 40% dell’inquinamento totale.
“Cittadini, imprese, investitori ed istituzioni possono ridurre la propria impronta idrica – avverte il Wwf – cambiando e promuovendo abitudini, investimenti e strategie in grado di incidere sui processi produttivi per una riduzione dei consumi d’acqua.

 

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, la Corte Suprema ha abolito la sentenza che garantiva il diritto all’aborto

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha abolito la sentenza Roe v. Wade con cui nel 1973 la stessa Corte aveva reso legale l’aborto negli…

24 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: «Grazie alle misure che si stanno pensando, non vi sarà un’emergenza energetica in inverno»

«Le misure che si stanno pensando assicurano che non vi sia emergenza» energetica «durante l’inverno». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, intervenendo in conferenza…

24 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: «Siamo impegnati a proteggere e sostenere il potere d’acquisto degli italiani»

«Nell’area dell’euro, soprattutto a causa dei prezzi dell’energia e dell’inflazione, le previsioni sono di un rallentamento un po’ in tutti i Paesi. Noi siamo impegnati…

24 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Quarantacinque località balneari italiane premiate con le 5 Vele da Legambiente e il Touring Club Italiano

Quest’anno Legambiente e il Touring Club Italiano hanno assegnato 45 Vele ad altrettante località balneari italiane. La Sardegna, con sei comprensori a Cinque Vele, la…

24 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia