La percezione dei tempi d’attesa nelle strutture sanitarie | T-Mag | il magazine di Tecnè

La percezione dei tempi d’attesa nelle strutture sanitarie

attesaQuello delle liste d’attesa, secondo il Rapporto Pit Salute 2011 di Cittadinanzattiva, è uno dei temi più segnalati da utenti e pazienti.
In particolare il 52,6% delle segnalazioni si riferiscono agli esami diagnostici, seguono quelle relative alle visite specialistiche, di primo accesso e controllo, con il 28,2% e quelle per gli interventi chirurgici con meno del 20%.
Guardando alle diverse aree risulta che quella oncologica è quella che risente maggiormente delle attese per ottenere un esame diagnostico, con il 18,2% delle segnalazioni, seguita da ginecologiae ostetricia, con circa il 16%, e la cardiologia, con il 14,4%.
Gli esami che secondo gli intervistati prevedono tempi di attesa più lunghi sono: ecografia, per la quale ci vogliono circa otto mesi, la
risonanza magnetica con dieci mesi di attesa e la mammografia con dodici mesi.
Per quanto riguarda invece le visite specialistiche è quella oculistica la maggiormente segnalata, con il 19,7%, seguita da quella cardiologica e dall’odontoiatria, entrambe con il 10,1%.
Secondo il rapporto i tempi di attesa per una visita urologica posso durare anche un anno e superare gli otto mesi per quella oculistica.
Cittadinanzattiva tiene però a sottolineare che questi dati si riferiscono a segnalazioni dei cittadini presso il Tribunale per i Diritti del Malato e per questo potrebbero essere sovrastimate.
La stessa indagine, con dati probabilmente più reali, è stata condotta dal Censis per il ministero della Salute e riporta che complessivamente è in media di 50 giorni il tempo che trascorre tra la prenotazione e l’erogazione dell’accertamento diagnostico. Leggere le oscillazioni a livello territoriale: nelle regioni del Centro Italia i tempi di attesa sono in media di 54 giorni, il dato più alto, mentre quello più basso è di 46 giorni delle regioni del Nordest. Più frequenti al Centro anche i casi di attese superiori ai tre mesi: il 16% contro il 13,6% della media nazionale.
Una sostanziale differenza nei tempi si rileva tra strutture pubbliche (ospedali e poliambulatori) dove i tempi si aggirano intorno ai 57 giorni, e le strutture private dove il le attese si riducono addirittura a 27 giorni.
Guardando invece alla tipologia si riscontra che i tempi di attesa sono più molto contenuti nelle strutture private nel caso di radiografie tradizionali, tracciati elettrocardiografici ed elettroencefalografici e nelle risonanze magnetiche. Al contrario, nel caso di esami radiografici complessi e TC le attese siano uguali o superiori rispetto agli edifici pubblici.
Le poche differenze tra poliambulatori ed ospedali pubblici dipendono dal livello di specializzazione clinica e tecnologica che gli esami richiedono: per gli esami meno complessi come radiografie ed ECG si registrano attese assai più ridotte nei poliambulatori rispetto all’ospedale. Al contrario, quelli che prevedono tecnologie più sofisticate o operatori particolarmente specializzati prevedono tempi più contenuti nel caso di strutture ospedaliere.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus: a livello globale i contagi hanno superato i 261,6 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 261.664.156. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

29 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Giappone richiude le frontiere agli stranieri

Il Giappone chiuderà, di nuovo, i suoi confini a tutti i visitatori stranieri, con lo scopo di contrastare la variante Omicron del Covid-19. Ad annunciarlo…

29 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Nucleare, Teheran: «Usa rimuovano le sanzioni»

«Se gli Usa vengono a Vienna per i colloqui sul nucleare con l’obiettivo di rimuovere le sanzioni potranno cogliere l’opportunità di tornare all’accordo». Lo ha…

29 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Green pass, in Svizzera vince il sì al referendum

Con il 63% dei voti a favore, la Svizzera ha detto sì al Green pass. Così, infatti, si sono espressi ieri i cittadini nell’ambito del…

29 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia