#PrimariePdRoma: le regole e i candidati | T-Mag | il magazine di Tecnè

#PrimariePdRoma: le regole e i candidati

primarie_pdSarà una sfida a sei. Un sfida tra David Sassoli, Patrizia Prestipino, Gemma Azuni, Mattia Di Tommaso, Paolo Gentiloni, Ignazio Marino. Ovvero i sei candidati alle primarie del centrosinistra, Roma Bene Comune, per la poltrona di sindaco della Capitale, che si terranno domenica 7 aprile.
Per partecipare alle primarie Roma Bene Comune non è necessario essere iscritto al Partito democratico. Tutti possono votare, a patto di rispondere positivamente a questi requisiti: essere cittadini italiani residenti nel territorio comunale, compresi i titolari di permesso di soggiorno e i ragazzi che abbiano già compiuto i 16 anni di età, questi ultimi muniti solo di un documento d’identità non essendo ancora in possesso della scheda elettorale.
Chi ha intenzione di partecipare alle votazioni, dovrà portare con sé la propria tessera elettorale e un documento di riconoscimento. Oltre a tutto questo, l’elettore dovrà sottoscrivere la carta d’intenti e versare un contributo di due euro. Solo allora sarà possibile votare. I 240 seggi, sparsi per tutto il territorio romano, saranno aperti dalle ore 8 alle ore 20. Chi parteciperà alle primarie dovrà indicare due preferenze: una per il candidato sindaco, l’altra per il presidente del proprio municipio.
Chi sono i candidati.
David Sassoli: classe 1956, giornalista professionista dal 1986, è stato vice direttore del TG1 dal 2006 al 2009. Inizia la sua carriera politica come parlamentare europeo per il Partito Democratico nella legislatura 2009-2014, per poi essere anche scelto come capo della delegazione PD all’interno dell’Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici.
Patrizia Prestipino: ex presidente del XII municipio ed ex assessore allo Sport e al turismo e giovani della Provincia di Roma sotto la giunta Zingaretti, Prestipino ha un passato di insegnante in molti licei romani.
Paolo Gentiloni: portavoce di Francesco Rutelli negli anni in cui il presidente de La Margherita era sindaco di Roma. Sotto la giunta Rutelli, Gentiloni è stato assessore al Giubileo ed al Turismo. Durante il governo Prodi, invece, ha ricoperto l’incarico di ministro delle Comunicazioni.
Mattia Di Tommaso: classe 1985, dal 2001 iscritto alla Federazione dei giovani socialisti, Di Tommaso si è laureato in Giurisprudenza all’Università di Tor Vergata e nel 2011 viene eletto membro del Direttivo del Forum dei Giovani del Lazio.
Ignazio Marino: nato a Genova nel 1955, oltre ad essere un medico, è senatore dal 2006. Marino ha svolto il ruolo di Presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sull’efficacia e l’efficienza del Servizio Sanitario Nazionale, nonché membro della Commissione Igiene e sanità del Senato della Repubblica nella XVI Legislatura.
Gemma Azuni: originaria di Nuoro, dove è nata nel 1948, dopo un passato come assistente sociale nella provincia di Roma, viene eletta come consigliera nella dodicesima circoscrizione nel 1989. Dal luglio del 2005, ricopre invece la carica di consigliera comunale.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Guterres: «Raccomandazioni dell’Oms sono state ignorate»

«Fin dall’inizio della pandemia di coronavirus l’Oms ha fornito informazioni concrete e orientamenti scientifici che avrebbero dovuto essere la base per una risposta globale coordinata.…

3 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Spazio, pubblicata la nuova mappa della Via Lattea

Fino ad oggi, non era stato mai pubblicato un censimento così completo della Via Lattea, la galassia a cui appartiene il nostro sistema solare. Complessivamente,…

3 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ambiente: in Italia, nel 2019 il riciclo dei rifiuti ha garantito benefici per oltre un miliardo di euro

Oltre un miliardo di euro. A tanto ammontano i benefici diretti del riciclo in Italia, nel 2019. Lo ha riferito il Green Economy Report del…

3 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti-Iran, Zarif: «Accordo non sarà rinegoziato»

«Gli Usa devono smettere di violare le leggi internazionali». Questa la posizione di Teheran, stando alle dichiarazioni del ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif,…

3 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia