Italiani e rom, una convivenza difficile | T-Mag | il magazine di Tecnè

Italiani e rom, una convivenza difficile

NOMADI: CASILINO 700, ABITANTI RIFIUTANO RIMPATRIO ASSISTITOPersone di etnia rom, tossico dipendenti, persone con precedenti penali, alcolisti, soggetti emotivamente instabili, malati di Aids e omosessuali: sono questi i vicini di casa che gli italiani non vorrebbero avere. Secondo un questionario sottoposto a 1519 persone nell’ambito della quarta indagine internazionale European values studies, risulta che ben il 62% degli italiani non vorrebbe avere persone di etnia rom come vicini di casa.
Come già detto nemmeno i tossicodipendenti sono benvisti come vicini di casa tanto che, alla domanda “chi non vorresti avere come vicino di casa?”, gli intervistati che hanno detto “no” ai drogati sono il 58% del campione.
Segue un 51% che si dichiara contrario alla vicinanza con chi vanta precedenti penali. Proseguendo nell’ordine: il 44% degli intervistati non vorrebbe come vicino di casa un alcolista, il 38% soggetti emotivamente instabili e il 29% malati di Aids.
In calo rispetto alle rilevazioni del 1990 e del 1999, quando il tasso di rifiuto si attestava al 37% e al 29%, nell’ultima rilevazione dichiara di non voler un vicino di casa omosessuale il 21%.
Giancarlo Rovati, docente di Sociologia in Cattolica, ha così commentato la ricerca: “Gli italiani non si ritengono razzisti, ma provano diffidenza se percepiscono una minaccia”.
Tant’è vero che il 40% degli intervistati è convinto che gli stranieri non portino via il lavoro, mentre il 46% crede che la presenza degli immigrati non indebolisca la vita culturale italiana.
Di contro, il 64% degli intervistati è convinto che l’aumento della criminalità sia legato all’immigrazione. Il 44% afferma invece di essere preoccupato per la densità degli insediamenti.
Secondo il 40% degli italiani sarebbe meglio che gli immigrati non mantenessero la loro cultura di origine nel momento in cui scelgono di vivere stabilmente in Italia.
Inoltre dall’indagine è emerso che gli italiani si interessano di più ai connazionali, nel 44% dei casi, che agli immigrati in difficoltà presenti in Italia, nel 37% dei casi.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus: l’Aifa dà il via libera all’utilizzo del vaccino Moderna per la fascia d’età tra i 12 e i 17 anni

La Commissione Tecnico Scientifica dell’AIFA, l’Agenzia italiana del Farmaco, ha dato il via libera all’estensione di indicazione di utilizzo del vaccino Spikevax (Moderna) per la…

28 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: a livello globale, i contagi hanno superato i 195,5 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 195.507.680. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

28 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, obbligo di mascherina per tutti i dipendenti della Casa Bianca

I dipendenti della Casa Bianca dovranno indossare nuovamente le mascherine all’interno dell’edificio e in tutta l’area circostante, per prevenire la diffusione del coronavirus. La decisione…

28 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Sale la fiducia dei consumatori a luglio: 116,6. In crescita anche la fiducia delle imprese a 116,3”

“A luglio 2021 si stima un aumento sia dell’indice del clima di fiducia dei consumatori (da 115,1 a 116,6) sia dell’indice composito del clima di…

28 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia