Draghi: “Le banche hanno paura di prestare a economia reale” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Draghi: “Le banche hanno paura di prestare a economia reale”

Le banche della zonaeuro non prestano denaro all’economia reale anche perché “hanno paura di non vedersi restituire i fondi”, e questo è un problema su cui la Banca centrale europea “sta riflettendo”. A dirlo è stato il presidente della Bce Mario Draghi, intervenendo nella conferenza stampa svoltasi a margine dell’Eurogruppo a Dublino.
La Banca centrale europea, ha ribadito Draghi, continua a seguire una linea ritenuta “molto accomodante” con la quale soddisfa pienamente tutte le richieste di rifinanziamento che giungono dalla banche”. Eppure, questi fondi non vengono investiti nell’economia reale.
Tutto questo, secondo l’analisi dell’Eurotower, avviene per tre motivi principali. Per tre motivi principali, le banche non prestano denaro a loro volta. La prima è nelle eventuali difficoltà a finanziarsi, problema “ampiamente superato” dalle misure anticrisi dell’istituto di Francoforte. Il secondo motivo è rappresentato dalla mancanza di capitale nelle banche stesse, su cui la Bce non può nulla e che è una questione di competenza delle stesse banche o delle autorità nazionali.
Infine “la terza ragione è che le banche sono spaventate dalla possibilità che i clienti non ripaghino i prestiti, e allora non li erogano. Alla Bce continuiamo a riflettere sul come far superare alle banche queste paure – ha concluso il numero uno dell’Eurotower – siamo chiaramente determinati a fare in modo che i fondi iniettati trovino la strada verso l’economia reale, che siano le imprese o le famiglie, ma è abbastanza chiaro che su questo punto per essere efficaci serve la partecipazione di altri attori”.

 

Scrivi una replica

News

Migranti, von der Leyen: «Proponiamo soluzione per ricostruire la fiducia fra Stati membri»

«Oggi proponiamo una soluzione europea per ricostruire la fiducia tra Stati membri e per ripristinare la fiducia dei cittadini nella nostra capacità di gestire come…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, la Commissione europea ha presentato un nuovo piano per la gestione dei migranti

No a trasferimenti obbligatori di migranti sbarcati nelle coste UE verso altri paesi dell’Unione, ma un «sistema comune» di rimpatri con una maggiore cooperazione con…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’Ilo: «Entro la fine del 2020 potrebbero esserci 25 milioni di disoccupati in più a livello mondiale»

Entro la fine del 2020, a causa della pandemia, a livello mondiale potrebbero esserci venticinque milioni di disoccupati in più, che andrebbero a sommarsi ai…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, al via la terza fase di sperimentazione per il vaccino della Johnson&Johnson

Il vaccino contro il coronavirus sviluppato dalla Johnson&Johnson, il primo a iniezione singola, è entrato nella terza fase di sperimentazione. Negli Stati Uniti, è il…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia