Grande crisi? Oggi stiamo messi peggio | T-Mag | il magazine di Tecnè

Grande crisi? Oggi stiamo messi peggio

crisi-economicaSono poco meno di cento milioni le ore di Cassa Integrazione registrate a marzo con un aumento del 22,44% su febbraio. Aumento questo che riguarda tutti i segmenti della Cig: ordinaria, straordinaria e in deroga.
I lavoratori coinvolti sono circa 520 mila e hanno subito un taglio di circa 1900 euro netti a testa.
Secondo i dati dell’Inps rielaborati dalla Cgil, dal gennaio del 2009 ad oggi le ore di cassa integrazione autorizzate sono state circa 80 milioni al mese, un dato questo destinato però a salire tanto che nel 2013 potrebbe superare il miliardo.
Il segretario confederale della Cgil, Elena Lattuada, ha avvertito: “Il sistema produttivo, e l’intero mondo del lavoro, sta letteralmente precipitando, trascinando dietro di sè l’intero Paese, travolto com’è da una valanga che non trova davanti a sè alcun argine. Servono risposte con urgenza che mettano al centro il lavoro, a partire dal finanziamento della cassa in deroga e per questo saremo in piazza unitariamente il 16 aprile a Roma. Un appuntamento che potrebbe rappresentare l’avvio di un percorso di iniziativa sui temi del lavoro”.
Sullo stesso allarmante trend anche i dati raccolti dalla Uil, secondo cui undici lavoratori del settore privato su cento rischiano di finire in cassa integrazione. Un dato più che preoccupante dato che nel 2013 i contribuenti dovranno spendere in media 712 euro tra Imu, Tares e chi più né ha più né metta.
Veniamo ora al punto di vista della Cgia di Mestre un punto di vista decisamente drammatico: la crisi economica che stiamo affrontando oggi ha effetti più negativi di quella degli anni Trenta.
L’affermazione può trovare facile conferma semplicemente confrontando i dati relativi alla ricchezza prodotta dal Paese, al netto dell’inflazione, durante la crisi degli anni Trenta quando diminuì del 5,1%. Tra il 2007 e il 2012 il calo è stato invece del 6,9%. Ben l’1,8% in più.
Guardando alla ricchezza prodotto da ogni singolo abitante: negli anni Trenta subì un calo dell’8,6%, contro il 9,4% registrato tra 2007 e 2012.
In controtendenza invece i consumi: nella Grande crisi si registrò un calo del 9,4%. La crisi odierna ha invece assistito ad un calo del 5%.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Censis: «Il 79,8% degli italiani chiede di non allentare le restrizioni o di inasprirle in vista delle feste natalizie»

«In vista del Natale e del Capodanno il 79,8% degli italiani chiede di non allentare le restrizioni o di inasprirle». Lo rileva il 54esimo Rapporto…

4 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, in Italia l’indice Rt è sceso a 0,91

Nel periodo compreso tra l’11 e il 24 novembre 2020, l’indice di trasmissibilità Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,91. Lo…

4 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Papa Francesco: «Stiamo vivendo la terza Guerra Mondiale a pezzi»

«Stiamo vivendo la terza Guerra Mondiale a pezzi». Lo ha detto Papa Francesco in un videomessaggio, in spagnolo, inviato ai partecipanti alla 23esima Giornata della…

4 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, Biden ha chiesto a Fauci di «restare nello stesso ruolo che ha avuto con i precedenti presidenti»

Il presidente eletto degli Stati Uniti, Joe Biden, ha chiesto al direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases, Anthony Fauci, di «restare nello…

4 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia