Le nozze gay in Francia e nel resto del mondo | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le nozze gay in Francia e nel resto del mondo

di Matteo Buttaroni

nozze_gayAlla fine, con 331 voti a favore e 225 contrari, è arrivato il ‘sì’ definitivo dell’Assemblea nazionale francese all’articolo 143 del codice civile, articolo varato dall’Eliseo per disciplinare la libertà di unirsi in matrimonio tra persone dello stesso sesso.
Christiane Taubina, ministro della Giustizia, ha annunciato che l’ora X per celebrare i primi matrimoni scatterà a giugno.
“È un momento storico – ha detto il ministro -.Crediamo che le prime nozze saranno una cosa bella e porteranno un vento di gioia e che coloro i quali oggi vi si oppongono saranno disorientati quando verranno sopraffatti dalla felicità dei neosposi e delle famiglie”.
Pronto il ricorso, annuncia invece la destra tra i fischi e gli applausi susseguiti all’annuncio dell’approvazione.
Ricorso o no, sta di fatto che la Francia è il 14esimo Paese ad appoggiare alle nozze gay, dopo il sì dello scorso 17 aprile arrivato dalla Nuova Zelanda (primo paese dell’area asiatica del Pacifico a legalizzarli).
L’11 aprile è stata la volta dell’Uruguay, secondo Paese latino a premettere questo tipo di nozze.
Il primo Paese ad aprire alle nozze gay è stata l’Olanda nel 2001, seguito nel 2003 dal Belgio dove l’adozione fu legalizzata solo tre anni dopo.
Previste invece dal 2005 le nozze gay in Spagna dove le coppie gay, unite nel sacro vincolo o no, posso adottare bambini. Anche in Canada la legge sui matrimoni gay è stata approvata nel 2005.
Il primo Paese africano ad adottare tale legge è stato il Sudafrica nel 2006.
Dal 2009 le coppie omosessuali si possono sposare anche in Norvegia e in Svezia. E’ particolare il caso di quest’ultimo paese dove dal 2003 era possibile adottare ma non sposarsi.
Nel 2010 la legge a favore dei matrimoni tra coppie omosessuali è entrata in vigore in Portogallo, dove non è prevista però l’adozione, in Islanda e Argentina.
Il primo Paese in assoluto al mondo ad aver autorizzato le unioni civili tra omosessuali nel 1989 è stata la Danimarca, che nel giugno del 2012 ha autorizzato le coppie gay a sposarsi davanti alla Chiesa luterana di Stato.
Mentre Germania, Finlandia, Repubblica ceca, Svizzera, Colombia e Irlanda riconoscono le unioni civili in Messico le coppie gay possono sposarsi solo nella capitale.

Leggi anche:
Perché dico no ai matrimoni gay
Perché dico sì ai matrimoni gay

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Fauci: «La mancanza di sincerità e di fatti è costata vite umane»

«La mancanza di sincerità e di fatti sul fronte della pandemia è costata molto probabilmente vite umane». Lo ha detto il virologo statunitense, Anthony Fauci,…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Recovery Fund, Conte: «Ha una valenza trasformativa per il Paese»

«Questo piano ha una valenza trasformativa per il Paese». Lo avrebbe detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, al termine dell’incontro con i sindacati sul…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Lavoro, Bankitalia: «Nel 2020 è cresciuta notevolmente la quota di imprese che usano lo smart working»

Nel 2020, complici le misure restrittive introdotte a causa dell’emergenza sanitaria, la quota delle imprese che hanno fatto ricorso allo smart working è cresciuta in…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’indice Rt è sceso a 0,97 dopo cinque settimane in aumento

Nel periodo compreso tra il 30 dicembre 2020 e il 12 gennaio 2021, l’indice di trasmissibilità Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,97 (range 0,85-1,11),…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia