C’era una volta l’Europa | T-Mag | il magazine di Tecnè

C’era una volta l’Europa

david_cameronSembra passata un’era geologica da quando è entrato in vigore l’euro. Solo dieci anni fa l’entusiasmo per la moneta comune pervadeva i governi sulle magnifiche sorti che attendevano l’Europa. Ma in un rapido battito d’ali della storia, la situazione si è capovolta. Così dall’Inghilterra arriva l’assalto al fortino dell’Ue. Il partito conservatore ha lanciato l’iniziativa per promuovere una referendum nel 2017 in cui decidere se lasciare l’Unione europea. Il premier Cameron non ha espresso un’opinione precisa, pur spiegando che serve “una Unione europea più aperta, competitiva e flessibile”. Un messaggio velato sulla necessità di un cambio di passo radicale. Altrimenti le posizioni anti-Ue manifestate dai ministri Philip Hammond (Difesa) e Michael Gove (Istruzione) possono diventare la linea ufficiale dei Tories.
Gli accoliti più accaniti dell’europeismo potrebbe consolarsi denunciando il complotto della “solita perfida Albione”. Tuttavia il problema appare sempre più radicato, indipendentemente da chi lo pone al centro del dibattito. In Italia, che è un Paese fondatore dell’Unione, la sola prospettiva di una consultazione popolare sull’Europa (o peggio ancora sull’euro) manda in apprensione il gotha della classe dirigente. Risulta difficile immaginare un esito diverso dalla richiesta di un ritorno al passato, magari al modello dello Stato-nazione, sull’onda travolgente della crisi che sta distruggendo qualsiasi sentimento di speranza e fiducia. Il primo sponsor del progetto referendario è infatti il Movimento 5 Stelle, che propugna una visione local.
Il contesto diventa dunque paradossale. L’Unione europea è stata insignita del Premio Nobel per la Pace, ma il riconoscimento è stato più motivo di derisione che di rinvigorimento dello spirito unitario. La motivazione è semplice: l’aspetto simbolico assume connotati evanescenti di fronte alla difficoltà economica di milioni di cittadini europei.

segui @SteI

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Draghi: «Possiamo guardare al futuro con prudente ottimismo e fiducia»

«Si può guardare al futuro con prudente ottimismo e fiducia». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, intervenendo nel corso di una conferenza stampa, al…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, sparatoria a Indianapoli: otto i morti

Sono almeno otto le vittime e quattro i feriti della sparatoria  in un deposito della FedEx vicino all’aeroporto internazionale di Indianapolis (Indiana). L’autore della strage,…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Merkel: “Situazione molto seria”

Purtroppo dobbiamo dire di nuovo: la situazione è seria e cioè molto seria. La terza ondata della pandemia la fa da padrone. Lo ha detto…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giovannini: “50miliardi per trasporti e infrastrutture: la metà saranno spesi per il Sud”

Nell’ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza ai trasporti e alle infrastrutture sono destinati 50 miliardi , di cui la metà al Sud. Lo…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia