Istat, ad aprile import in calo dello 0,3% e export in crescita dello 0,7% | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat, ad aprile import in calo dello 0,3% e export in crescita dello 0,7%

“Nel mese di aprile 2013, entrambi i flussi commerciali con i paesi extra Ue registrano una flessione congiunturale: -0,3% per le importazioni e -0,7% per le esportazioni.
La flessione congiunturale dell’export riguarda tutti i principali raggruppamenti di beni, tranne i beni strumentali (+0,5%) e i beni di consumo non durevoli (+0,3%). La contrazione è particolarmente marcata per l’energia (-9,1%). Dal lato dell’import la diminuzione interessa tutti i principali comparti, a eccezione dei beni strumentali (+1,0%) e dell’energia (+0,9%).
I dati di aprile confermano un quadro congiunturale di debolezza delle vendite all’estero: infatti, nell’ultimo trimestre la dinamica congiunturale delle esportazioni è negativa (-2,4%) e coinvolge tutti i principali raggruppamenti di beni; soltanto i beni di consumo non durevoli registrano un tasso positivo (+1,4%). Dal lato delle importazioni, la flessione congiunturale degli acquisti dall’estero negli ultimi tre mesi (-4,7%) risente in misura significativa della forte diminuzione dell’import di energia (-8,5%).
Ad aprile 2013 la crescita delle esportazioni rispetto allo stesso mese del 2012 (+6,0%) coinvolge tutti i principali comparti, eccetto l’energia (-1,2%).
Le importazioni registrano invece una marcata e diffusa flessione tendenziale (-10,3%), con cali particolarmente rilevanti per energia (-21,6%) e beni di consumo durevoli (-14,4%). Risultano stabili gli acquisti di beni di consumo non durevoli.
Ad aprile 2013, il surplus commerciale con i paesi extra Ue è pari a +1,5 miliardi di euro, a fronte del disavanzo di 901 milioni dello stesso mese del 2012. Nello stesso mese l’avanzo nell’interscambio di prodotti non energetici passa da +4,7 a +5,6 miliardi di euro e il deficit energetico si riduce da -5,6 a -4,2 miliardi di euro. Nei primi quattro mesi del 2013 il saldo commerciale con i paesi extra Ue è pari a +2,5 miliardi.
I mercati più dinamici all’export sono: MERCOSUR (+21,9%), ASEAN (+19,2%), EDA (+18,1%), Giappone (+13,1%), OPEC (+11,6%), Russia (+6,7%) e Cina (+6,5%). Stati Uniti (-10,3%) e India (-10,8%) sono invece in marcata flessione.
La diminuzione delle importazioni è particolarmente rilevante per i beni provenienti dai paesi OPEC (-34,0%) e dagli Stati Uniti (-16,0%)”, è quanto si legge in un comunicato stampa diffuso da Istat.

 

Scrivi una replica

News

Vaccini, Aifa: “Da dicembre a marzo oltre 46mila sospette reazioni, il 2,7% di esse non gravi”

Tra il 27 dicembre 2020 e il 26 marzo 2021 sono pervenute 46.237 segnalazioni di sospette reazioni avverse su un totale di 9.068.349 dosi di…

15 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, 77mila nuovi casi negli Usa

Sono oltre 77mila i nuovi casi di coronavirus registrati negli Stati Uniti nelle ultime 24 ore. I decessi invece, sono stati 987.…

15 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Speranza: “50 milioni di dosi entro giugno, età criterio giusto”

“Nel secondo trimestre arriveranno 50 milioni di vaccini e Pfizer anticiperà alcuni milioni di dosi che per l’Italia significano circa 7 milioni. Prudenzialmente il commissario…

15 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Speranza:”Auspico presto chiarezza per iniziare a usare J&J”

“L’auspicio è che presto ci possano essere elementi di chiarezza che ci permettano di iniziare ad utilizzare un vaccino che sarà importante per la nostra…

15 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia