Il diario dal Festival di Cannes/7 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il diario dal Festival di Cannes/7

di Giampiero Francesca

solo_dio_perdona_cannesUna grossa sorpresa ed una cocente delusione hanno caratterizzato la terzultima giornata del festival di Cannes. Sempre seguendo il concorso il nostro personale programma prevedeva infatti la visione di Only god forgives di Nicolas Winding Refn e Nebraska di Alexander Payne. Molte erano le attese per il regista dello stupefacente Drive, approdato nuovamente a Cannes in coppia con il suo attore feticcio Ryan Gosling. Forse proprio a causa di una così grande aspettativa però la proiezione di Only god forgives è coincisa con la prima vera delusione della rassegna. Carico di una violenza immotivata, privo di una trama in grado di reggere l’impatto di immagini e scene tanto forti, caratterizzato da una regia schizofrenica, che alterna sequenze da videogame a tratti l’impianto teatrale, l’ultima fatica di Refn appare quasi indecifrabile. In questo confuso pasticcio, certamente più vicino a Valhalla rising che al sorprendente Drive, nemmeno Ryan Gosling sembra trovare un suo ruolo. Privo o quasi di battute, bloccato in un interpretazione incolore, l’attore simbolo di una nuova generazione di talenti, sembra qui perdere ogni confidenza con lo schermo.
Scossi dalla delusione, prima di rientrare in Gran Lumière per la proiezione del secondo film in concorso, decidiamo di dedicarci all’ultima pellicola fuori concorso, All is lost di J.C. Chandor. Una scelta, la nostra, che viene premiata dalla visone di un’opera avvincente incentrata sulla bravura e la fisicità di un grande Robert Redford. Solo, al centro del racconto è del mare, praticamente sempre in silenzio per le quasi due ore di film l’attore dimostra quanto basti una sceneggiatura ben scritta, una regia coinvolgente e un protagonista all’altezza per costruire un prodotto di qualità.
Mentre scende la sera e una croisette ormai molto meno affollata si popola degli ultimi accaniti fan ancora presenti a Cannes, rincuorati dalla visione di All is lost, prendiamo posto per assistere al film di Alexander Payne. In questo caso, lo ammettiamo, partivano un po’ prevenuti. Né Sideways né Paradiso amaro ci avevano infatti pienamente convinti. Così, con un filo di scetticismo, ci ponevano davanti alla visione di Nebraska, pellicola di cui, fra l’altro, assai poco si era parlato prima di oggi. Ed eccola qui la grande sospesa. Il road movie di Payne è infatti un potente racconto della provincia americana, dall’Oregon al Nebraska, fra silos e campi coltivati, piccoli paesi e vecchie case abbandonate, anziani braccianti e giovani abbrutiti dalla televisione. Un’America popolare e vera che un anziano Bruce Dern, interprete del protagonista Woody Grant, riscopre insieme al suo passato. In una meraviglioso bianco e nero, con una regia classica e pulita, con sequenze spesso aperte e chiuse da dissolvenza a nero dal retrogusto vintage, Payne dipinge un affresco americano di grande sensibilità ed efficacia. Quando ormai mancano poche pellicole a chiudere la selezione del concorso ecco giungere come un potente outsider questo Nebraska, che non ci sorprenderebbe affatto nel palmares di questo festival di Cannes.

 

Scrivi una replica

News

Vaccini, Aifa: “Da dicembre a marzo oltre 46mila sospette reazioni, il 2,7% di esse non gravi”

Tra il 27 dicembre 2020 e il 26 marzo 2021 sono pervenute 46.237 segnalazioni di sospette reazioni avverse su un totale di 9.068.349 dosi di…

15 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, 77mila nuovi casi negli Usa

Sono oltre 77mila i nuovi casi di coronavirus registrati negli Stati Uniti nelle ultime 24 ore. I decessi invece, sono stati 987.…

15 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Speranza: “50 milioni di dosi entro giugno, età criterio giusto”

“Nel secondo trimestre arriveranno 50 milioni di vaccini e Pfizer anticiperà alcuni milioni di dosi che per l’Italia significano circa 7 milioni. Prudenzialmente il commissario…

15 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Speranza:”Auspico presto chiarezza per iniziare a usare J&J”

“L’auspicio è che presto ci possano essere elementi di chiarezza che ci permettano di iniziare ad utilizzare un vaccino che sarà importante per la nostra…

15 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia