Istat, retribuzioni ferme a maggio. In 6,7 milioni in attesa di rinnovo | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat, retribuzioni ferme a maggio. In 6,7 milioni in attesa di rinnovo

Alla fine di maggio 2013 i contratti collettivi nazionali di lavoro in vigore per la parte economica riguardano il 47,7% degli occupati dipendenti e corrispondono al 46,3% del monte retributivo osservato.
Nel mese di maggio l’indice orario delle retribuzioni contrattuali rimane invariato rispetto ad aprile e aumenta dell’1,4% rispetto a maggio 2012. Complessivamente, nei primi cinque mesi del 2013, la retribuzione oraria media è cresciuta dell’1,4% rispetto al corrispondente periodo del 2012.
Con riferimento ai principali macrosettori, a maggio le retribuzioni orarie contrattuali registrano un incremento tendenziale dell’1,9% per i dipendenti del settore privato e una variazione nulla per quelli della pubblica amministrazione.
I settori che a maggio presentano gli incrementi tendenziali maggiori sono: alimentari bevande e tabacco (5,8%); pubblici esercizi e alberghi (2,9%); legno carta e stampa e telecomunicazioni (2,5%). Si registrano, invece, variazioni nulle in tutti i comparti della pubblica amministrazione.
Tra i contratti monitorati dall’indagine, nel mese di maggio è stato recepito un solo accordo mentre due sono quelli scaduti.
Alla fine di maggio la quota dei dipendenti in attesa di rinnovo è del 52,3% nel totale dell’economia e del 38,4% nel settore privato. L’attesa del rinnovo per i lavoratori con il contratto scaduto è in media di 24,1 mesi per l’insieme degli occupati e di 11,2 mesi per quelli del settore privato.
E’ quanto si legge in un comunicato stampa diffuso da Istat.

 

Scrivi una replica

News

Unicredit, nel 2021 l’amministratore delegato lascerà l’incarico

L’amministratore delegato della Unicredit, Jean Pierre Mustier, lascerà il suo incarico a fine mandato, cioè nell’aprile 2021. Mustier ha reso noto che la sua decisione…

1 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa, si dimette il consigliere sul Covid

Scott Atlas, consigliere sul Covid dell’amministrazione Trump, si è dimesso. Atlas era un convinto sostenitore dell’immunità di gregge ed era stato scelto da Trump pur…

1 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Von der Leyen: «Entro gennaio i primi vaccini»

«La crisi legata al coronavirus non è ancora finita e l’incertezza continua ma in modo diverso da marzo, oggi sappiamo che c’è una via di…

1 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 119 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spred tra Btp e Bund si è attestato a quota 119 punti.…

1 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia