Occupazione Giovanile, Letta: “Con accordo Ue abbiamo vinto. Ora via alla Fase Due” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Occupazione Giovanile, Letta: “Con accordo Ue abbiamo vinto. Ora via alla Fase Due”

“Adesso le imprese non hanno alibi, possono assumere giovani con una forte defiscalizzazione, ovviamente a tempo indeterminato”, a dirlo è il presidente del Consiglio, Enrico Letta.
“E’ un risultato importante per l’Italia e per l’Unione europea – ha aggiunto -, abbiamo vinto sull’occupazione giovanile e pareggiato sulla banca europea degli investimenti. Il tema della disoccupazione giovanile è stato il principale impegno nazionale di questo Governo. Abbiamo quasi triplicato i soldi che spetteranno all’Italia nel complesso dall’Ue. Si tratta di quasi un miliardo e mezzo di euro su una quota complessiva di sei più tre miliardi delle risorse europee in favore dell’occupazione giovanile. Per l’Italia le risorse sono all’incirca un miliardo nel primo biennio e il resto negli anni successivi, ma conto che quando saremmo qui a rinegoziare il bilancio fra due anni, riusciremo ad ottenere ancora di più.
Da noi il senso di insofferenza per l’euroretorica è fortissimo sia nei partiti politici sia in tutti i ceti della popolazione. C’era bisogno di fatti concreti come quelli raggiunti al vertice di Bruxelles. L’ Ecofin non è più il cuore dell’Europa; cominciano a contare di più le persone e si è dimostrato che l’Europa non è più uno strumento finanziario, non sono solo i ministri delle Finanze che decidono”.
“Ora si può aprire la seconda fase – ha assicurato -, il governo può lavorare al secondo pacchetto per favorire il lavoro. L’agenzia per l’impiego è uno dei grandi temi per la lotta alla disoccupazione giovanile e farà parte del secondo pacchetto che il governo intende varare; è centrale perché se non funziona, non funziona nemmeno il piano per i giovani”.
Passando all’argomento Imu e Iva ha affermato: “Continueremo a far di tutto per rispettare gli impegni presi, ma senza sfasciare i conti pubblici perché chi pensa che io sia qui per sfasciare i conti pubblici, sbaglia primo ministro. Abbiamo ottenuto buoni risultati perché abbiamo individuato l’obiettivo, siamo stati credibili avendo presentato un piano nazionale rimanendo dentro l’obiettivo di bilancio, senza sfasciare i conti pubblici. Se hanno un senso i criteri che ci siamo dati si devono individuare anche delle premialità oltre che punizioni. Per chi ottempera a scelte che tranquillizzano gli altri membri dell’eurozona e fa scelte per tenere i conti in ordine ci deve essere una premialità. E la principale premialità è la flessibilità.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Mattarella: «Per sconfiggere il virus serviranno ancora prudenza, ma anche determinazione»

«Per sconfiggere il virus serviranno ancora prudenza e responsabilità nei comportamenti, ma servirà anche determinazione, iniziativa e anche coraggio d’innovazione e qualità». Così il capo…

11 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’Unione europea ha avviato una seconda azione legale contro AstraZeneca

La Commissione europea ha avviato una seconda azione legale contro AstraZeneca. «Chiediamo ad AstraZeneca la consegna entro giugno delle 90 milioni dosi che sarebbero dovute…

11 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 159 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 159.031.885. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

11 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, gli anticorpi “durano” fino a otto mesi dal contagio

Gli anticorpi, che neutralizzano il virus Sars-CoV-2, persistono nei pazienti fino ad almeno otto mesi dopo la diagnosi di Covid-19, indipendentemente dalla gravità della malattia,…

11 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia