Alla scoperta del 28esimo membro dell’Ue | T-Mag | il magazine di Tecnè

Alla scoperta del 28esimo membro dell’Ue

croazia_ue“Oggi ha inizio un nuovo capitolo di successo, quello della Croazia che ritorna al suo posto, nel cuore dell’Europa. Può essere un esempio per gli altri Paesi della regione, ha intrapreso difficili riforme e adoperandosi nel contempo per la riconciliazione tra i popoli della ex Jugoslavia. Ora potrà aiutare gli altri Paesi, e posso garantire che l’Europa sarà aperta a tutti coloro che vorranno condividere i nostri valori”. Sono queste le parole di Jose Manuel Barroso, presidente della Commissione Europea, pronunciate nel discorso delle celebrazioni solenni per l’ingresso del Paese ex jugoslavo nell’Unione europea.
E’ la seconda, dopo la Slovenia nel 2004, delle sei Repubbliche che facevano parte della Jugoslavia socialista ad entrare a far parte dell’Unione europea.
I negoziati per l’adesione iniziarono nel 2005 e si conclusero nel 2011 e nel 2012, in un referendum, il 66% degli abitanti del paese votarono a favore del Trattato di adesione all’Ue.
La durata dei negoziati di adesione sono considerati i più lunghi mai svolti. Tale durata è stata ritenuta necessaria perché per soddisfare i criteri necessari all’adesione la Croazia doveva svolgere una serie di riforme e cambiamenti volti ad una democratizzazione radicale del Paese.
Entriamo ora nel particolare e vediamo la situazione economica del paese che portarà altri dieci miliardi alle casse del fondo europeo.
Il Prodotto interno lordo pro capite del Paese è al 61% della media europa. Nel complesso il valore del Paese si aggira intorno ai 44 miliardi di euro, ovvero lo 0,34% del Pil europeo.
In recessione da diversi anni, nel 2012 ha registrato una contrazione del 2%, contro il calo dello 0,3% registrato dall’Unione europea. Nel 2013 Eurostat prevede un’altro calo del 1% per poi tornare a crescere nel 2014. Al contrario del debito pubblico che viene considerato un punto di forza, il 55% circa del Prodotto, il dato che più preoccupa è quello relativo alla spesa pubblica: il deficit è al di sopra dei parametri Ue, 4,7% del Pil. Si teme infatti che questo possa portare il debito pubblico oltre il 60% del Pil.
Il linea con il resto d’Europa il tasso d’inflazione, che si attesta all’1,8%.
Passando al tema del mercato del lavoro, l’Eurostat evidenzia che il tasso di disoccupazione si attesta al 18,1%. E’ invece allarmante quello relativo alla disoccupazione giovanile e in particolare della fascia sotto i 25 anni: il 51,8% dei croati rientranti in questa categoria non ha un lavoro.
Per quanto riguarda l’istruzione e l’accesso ad internet risulta che il 66% dei croati non ha problemi ad accedere alla rete, contro il 76% della media europea.
La percentuale dei laureati o dei diplomati professionalmente si attesta al 18,6% della popolazione di età compresa tra i 25 e i 64 anni.

 

Scrivi una replica

News

Morto il principe Filippo, marito della Regina Elisabetta II del Regno Unito

All’età di 99 anni è morto il principe Filippo, marito della regina Elisabetta II del Regno Unito. Venne nominato principe del Regno Unito nel 1957,…

9 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: “Nessun dato che i vaccini siano intercambiabili”

Secondo l’Oms, non c’è alcun dato adeguato sull’intercambiabilità dei vaccini. Questa affermazione è arrivata in seguito all’annuncio della Francia che ha reso noto che le…

9 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Morte George Floyd arrivata per asfissia

George Floyd è morto per asfissia e non per overdose di fentanyl, come sostenuto dall’avvocato dell’agente Derek Chauvin. Lo ha stabilito il medico Martin Tobin,…

9 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Kim avverte la popolazione: “Arriveranno tempi duri”

Kin Jong-Un, leader nordocerano, ha lanciato l’allarme alla sua popolazione dicendo di prepararsi ad un crisi difficili paragonando i tempi che verranno ad una terribile…

9 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia