Le aziende italiane che se ne vanno | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le aziende italiane che se ne vanno

di Fabio Germani

loro_pianaIn Italia vige una situazione paradossale. Da un lato l’eccessiva burocrazia, la corruzione e le procedure troppo cavillose sono elementi che frenano gli investimenti stranieri. Molti imprenditori italiani, al contempo, decidono di delocalizzare le attività produttive perché più conveniente. Dall’altro lato, invece, alcuni importanti marchi del Made in Italy vengono assorbiti dai grandi gruppi provenienti da fuori. L’acquisizione di Loro Piana (famosa per la lavorazione del cashmere e delle lane pregiate) da parte della francese Lvmh (Louis Vuitton Moet Hennessy) che fa capo a Bernard Arnault – un’operazione da due miliardi di euro pari all’80% – è soltanto l’ultima di una lunga serie (pochi giorni fa il medesimo gruppo aveva annunciato l’acquisto delle Pasticcerie Cova). Nel settore alimentare, tanto per citarne uno, Coldiretti ha rilevato un giro d’affari da dieci miliardi di euro finiti nelle tasche di stranieri. Parmalat, Buitoni, Perugina e ancora Star, i salumi Fiorucci, il riso Scotti e lo spumante Gancia: tutte aziende con la testa altrove o con partecipazioni estere non irrilevanti. Persino marchi come Bulgari parlano ormai lingue diverse. Quest’ultimo ha ceduto nel 2011 una buona parte delle proprie quote a Lvmh, ma ha incrementato i punti vendita di proprietà nel mondo.
Altra questione sono gli investimenti ex novo. Nel 2011 sono calati del 53%, non poco al punto che il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha recentemente ricordato come “oggi l’afflusso di investimenti dall’estero in Italia sia cruciale per dare uno stimolo innovativo alla ripresa produttiva e all’occupazione”. Di qui il suggerimento: “Sta alle istituzioni pubbliche promuovere politiche in grado di attirare gli investimenti di cui il Paese ha bisogno e rimuovere le inadeguatezze normative ed amministrative che impediscono di acquisire all’Italia così significative potenziali risorse”.
La carenza di processi innovativi – un freno, in questo senso – è un problema da non sottovalutare. Strutturale, certo, ma anche culturale. “L’attività di innovazione – rilevava l’Istat in uno dei suoi report – può essere inibita o rallentata da fattori di natura economico-finanziaria; il 70% delle imprese innovatrici giudica, infatti, eccessivi i costi dell’innovazione, il 63,9% ritiene decisiva la mancanza di risorse finanziarie proprie e il 58,8% lamenta l’assenza di finanziamenti esterni. Inoltre, la metà delle imprese individua altri significativi fattori di ostacolo all’innovazione nella volatilità della domanda e nella presenza di imprese dominanti, mentre per un terzo delle imprese gli ostacoli risiedono nella carenza di personale qualificato e nella difficoltà di trovare partner con cui cooperare. Infine, un quarto delle imprese valuta la mancanza di informazioni sui mercati e sulle tecnologie un’importante barriera all’innovazione”. Tuttavia, veniva precisato, “l’importanza attribuita dalle imprese ai diversi fattori di ostacolo non varia in maniera sostanziale in funzione del settore di appartenenza, ma si riduce al crescere della dimensione aziendale”.

segui @fabiogermani

 

4 Commenti per “Le aziende italiane che se ne vanno”

  1. […] L’acquisizione di Loro Piana (famosa per la lavorazione del cashmere e delle lane pregiate) da parte della francese Lvmh (Louis Vuitton Moet Hennessy) che fa capo a Bernard Arnault – un’operazione da due miliardi di euro pari all’80% – è soltanto l’ultima di una lunga serie (pochi giorni fa il medesimo gruppo aveva annunciato l’acquisto delle Pasticcerie Cova). Nel settore alimentare, tanto per citarne uno, Coldiretti ha rilevato un giro d’affari da dieci miliardi di euro finiti nelle tasche di stranieri. Parmalat, Buitoni, Perugina e ancora Star, i salumi Fiorucci, il riso Scotti e lo spumante Gancia: tutte aziende con la testa altrove o con partecipazioni estere non irrilevanti. Persino marchi come Bulgari parlano ormai lingue diverse. Quest’ultimo ha ceduto nel 2011 una buona parte delle proprie quote a Lvmh, ma ha incrementato i punti vendita di proprietà nel mondo. (leggi tutto) […]

  2. […] italiane attirano le attenzioni di molti investitori stranieri e non è la prima volta, anzi. Ne avevamo già parlato. Negli ultimi mesi, la Coldiretti ha voluto attirare l’attenzione dell’opinione pubblica, […]

  3. の応答を緩和するべきyoureのこれを維持するために見出していることを教えて下さい!そのように良いと非常に重要。私はあなたから多くを読むために待つ傾けます。あなたがそう非常に知っている人々はあなたが言っているかもしれないものに耳を傾けるようにする方法を知っているように私はちょうど感じます。このブログは、単にも見逃すことは冷却されます。優れたもの、純粋に。 、それを保管してくださいしてください!この特定のコンテンツを投稿するための多くの感謝を

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, richiesta di sospensione per il vaccino Johnson&Johnson

Gli Stati Uniti chiedono una sospensione sul vaccino Johnson&Johnson dopo alcuni casi di coagulazione. L’anticipazione è del New York Times, che ha sottolineato come la…

13 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “A febbraio produzione industriale +0,2%”

“A febbraio 2021 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione industriale aumenti dello 0,2% rispetto a gennaio. Nella media del trimestre dicembre-febbraio il livello della…

13 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Case, si allungano i tempi di vendita secondo un’analisi di Tecnocasa

Dall’analisi condotta dall’Ufficio Studi Tecnocasa dal 2010 ad oggi, limitato alle grandi città, emerge un lieve rallentamento delle tempistiche per la compravendita della casa nelle…

13 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, studio commercialisti: “-35 miliardi nella ristorazione”

Dall’Osservatorio sui bilanci 2019 del Consiglio e della Fondazione nazionale dei commercialisti emerge che nel 2021 si stima una riduzione del fatturato del 35% contro…

13 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia