La metà dei giovani italiani ha un lavoro precario | T-Mag | il magazine di Tecnè

La metà dei giovani italiani ha un lavoro precario

precariL’Ocse quantifica in oltre la metà dei giovani italiani il numero di precari. Lo calcola fa nel suo Employment outlook, che si affida ai dati di fine 2012. In pratica, afferma l’Ocse, più della metà dei lavoratori under 25, pari al 52,9% del campione, presenta una condizione occupazionale instabile. Una situazione che si annida maggiormente tra le donne (37,5%) metre tra gli uomini pesa per il 33,7%. La percentuale dei precari è di fatto raddoppiata rispetto al 2000 quando erano il 26,2% ed è cresciuta anche rispetto all’anno scorso quando si era attestata al 35,3%.
C’è poi da osservare che nell’ultimo anno la disoccupazione in Italia è cresciuta di più rispetto alla media Ue, di un punto per la precisione. A metà del 2012 il dato italiano era invece in linea con la media, precisa l’Ocse. A fine maggio il tasso di disoccupazione ha raggiunto il 12,2%.
Tuttavia la riforma Fornero viene giudicata positivamente. Secondo l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, infatti, i cambiamenti al mercato del lavoro dovrebbero “migliorare la crescita della produttività e la creazione di posti di lavoro nel futuro” anche grazie al nuovo articolo 18 che riduce la possibilità di reintegro in caso di licenziamento, rendendo le procedure di risoluzione più rapide e prevedibili. “L’Italia – osserva l’Organizzazione – resta uno dei Paesi Ocse con la legislazione più rigida sui licenziamenti, in particolare riguardo alla compensazione economica in caso di licenziamento senza giusta causa e la definizione restrittiva di giusta causa adottata dai tribunali. Gli elementi raccolti suggeriscono che limitare la diffusione dei reintegri sia un elemento chiave per migliorare i flussi occupazionali e la produttività”.
In ogni caso la disoccupazione in Italia continuerà a registrare possibili incrementi: nell’ultimo trimestre del 2014 arriverà al 12,6%.

 

Scrivi una replica

News

Petrolio: Wti a 61,84 dollari al barile e Brent a 65,74 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio americano Wti è stato scambiato a 61,84 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 65,74 dollari.…

23 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: Spread Btp/Bund a 101 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a quota 101 punti.…

23 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Figliuolo: «La campagna vaccinale procede regolarmente»

«La campagna» vaccinale «va avanti e procede in maniera regolare». Così il commissario straordinario per l’emergenza Covid-19, Francesco Paolo Figliuolo, annunciando un’imminente consegna di dosi…

22 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ambiente, Draghi: «Dobbiamo cambiare il modo di lavorare e dobbiamo farlo rapidamente»

«Dobbiamo cambiare il modo di lavorare e dobbiamo farlo rapidamente». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, al summit con i leader internazionali, in occasione…

22 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia