Le difficoltà delle famiglie italiane | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le difficoltà delle famiglie italiane

carrello_della_spesaE’ di 3.660 euro il calo registrato nella spesa media annua tra il 2007 ed il 2012. Secondo l’analisi del Centro Studi di Confindustria lo scorso anno la spesa si è attestata a 26.100 euro. “Il perdurare della crisi economica e la seconda recessione che ha colpito l’Italia dal secondo semestre 2011 – spiegano gli analisti del Csc – hanno generato effetti gravi e profondi sulle possibilità di spesa delle famiglie”. La perdita di posti di lavoro e l’aumento di tasse indirette e dirette hanno apportato un calo dei redditi disponibili, tra il 2007 ed il 2012, dell’11%, costringendo gli italiani a tagliare le spese. Non solo taglio nelle spese, scende anche la fiducia dei consumatori italiani, come scende di conseguenza anche la spesa complessiva per i consumi finali: -6,6%. Secondo il Centro studi fascia di italiani che ha dovuto stringere più la cinghia è quella composta da coppie senza figli con un capofamiglia di età compresa tra i 35 ed i 64 anni. Secondo Confindustria a soffrire di più sarebbe il Mezzogiorno.
L’unico caso di spesa in aumento, spiega l’analisi, in particolare del 2,5%, è quello dei nuclei composti da una sola persona sopra i 65 anni: in questa tipologia si spende 95 euro in più all’anno per servizi domestici, 86 euro in più per acquisti di carne e 103 euro in più all’anno di spese telefoniche. Le “Negli ultimi due anni – rileva ancora lo studio – sono peggiorati gli indicatori di grave disagio economico e di deprivazione materiale delle famiglie”. Basti pensare che dal 16% del 2010 al 24,8% nel 2012 il numero dei nuclei familiari deprivati e dal 6,9% al 14,3% il numero si famiglie gravemente deprivate”. La crisi economica ha costretto gli italiani a ridurre i consumi superflui, a spostarsi più verso i discount e a prestare maggiore attenzione a sconti e promozioni. Vuol dire quindi che a venir meno non è solo la quantità, ma anche la qualità. In particolare, tra il 2007 ed il 2011, è sceso del 14,8% l’acquisto di pane e cereali, del 25,3% la spesa per le visite mediche. Scende anche il consumo di pesce, -13,2%; di frutta, -8,3%; olio, -11,8%; acqua minerale, -15,1%; vino, -14,4%. Cresce la spesa per la birra, del 4,2% mentre cala del 23,1% la spesa in abbigliamento e del 17,1% trasporti. Sono scesi del 19,2% gli acquisti di automobili e si comprano meno giornali e riviste, la spesa in questo senso è scesa del 30,6%.

 

Scrivi una replica

News

Gas, le riserve di gas in Italia sono piene al 75,38%

Secondo quanto reso noto da Gas Infrastructure Europe (GIE) le riserve di gas in Italia sono piene al 75,38%, contro il 72,4% della media europea.…

10 Ago 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

M5s, Conte: «Andremo da soli al voto, perché così ha deciso il Partito democratico»

«Andrà così perché hanno deciso così sin dall’inizio in modo del tutto irrazionale i vertici del Pd. Lo hanno fatto dando anche uno schiaffo agli…

10 Ago 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, inflazione all’8,5% a luglio

A luglio l’inflazione degli Stati Uniti si è attestata all’8,5%, contro l’8,7% previsto dagli analisti e il 9,1% di giugno.…

10 Ago 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Domino’s ha chiuso i locali in Italia

La nota catena di piazza all’americana, Domino’s, ha chiuso gli ultimi punti vendita rimasti in Italia. Il piano prevedeva l’apertura di 880 negozi entro il…

10 Ago 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia