Italia ancora in recessione: Pil -2% | T-Mag | il magazine di Tecnè

Italia ancora in recessione: Pil -2%

pil_crisi_economicaNel secondo trimestre del 2013 il Prodotto interno lordo (Pil), espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2005, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, è diminuito dello 0,2% rispetto al trimestre precedente e del 2% nei confronti del secondo trimestre del 2012. è quanto rende noto l’Istat tramite la stima preliminare del Pil.
Il calo congiunturale – prosegue l’Istituto nazionale di statistica – è la sintesi di diminuzioni del valore aggiunto in tutti e tre i grandi comparti di attività economica: agricoltura, industria e servizi. Il secondo trimestre del 2013 ha avuto una giornata lavorativa in meno del trimestre precedente e lo stesso numero di giornate lavorative rispetto al secondo trimestre del 2012. La variazione acquisita per il 2013 è pari a -1,7%.
Nello stesso periodo il Pil è aumentato in termini congiunturali dello 0,4% negli Stati Uniti e dello 0,6% nel Regno Unito. In termini tendenziali, si è registrato un aumento dell’1,4% sia negli Stati Uniti sia nel Regno Unito.
“Tutti gli indicatori mostrano come il secondo trimestre dovrebbe avere ancora un segno congiunturale negativo del Pil, ma ci sono indicatori di fiducia e ordinativi positivi” e per “il terzo e quarto trimestre” è previsto un “segno congiunturalmente positivo”. Questa la posizione espressa dal ministro del Lavoro, Enrico Giovannini. “L’ottimismo aumentato nelle famiglie, la maggiore fiducia degli imprenditori e aumento ordini anche sul mercato interno”, secondo Giovannini, sono fattori che segnalano come “la voglia di superare la recessione stia diventando più concreta”.
Intanto il ministero dell’Economia ha reso noto nella giornata di lunedì che le entrate tributarie erariali nel primo semestre dell’anno hanno raggiunto quota 197.029 milioni di euro, registrando una crescita del 3,1% (+5.898 milioni di euro) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Le entrate derivanti dall’attività di accertamento e controllo, dicono dal ministero, sono pari a 3.655 milioni di euro (+329 milioni di euro con una crescita del 9,9%) e derivano dall’efficacia “dell’azione di contrasto all’evasione”. Nello specifico le imposte dirette registrano un aumento complessivo dell’8,7% (+8.804milioni di euro) rispetto allo stesso periodo del 2012. Il gettito Irpef segna un incremento del 2,5% (+2.002 milioni di euro). L’Ires ha invece avuto una crescita esponenziale del 35,3% (+3.465 milioni di euro).

 

Scrivi una replica

News

Morto il principe Filippo, marito della Regina Elisabetta II del Regno Unito

All’età di 99 anni è morto il principe Filippo, marito della regina Elisabetta II del Regno Unito. Venne nominato principe del Regno Unito nel 1957,…

9 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: “Nessun dato che i vaccini siano intercambiabili”

Secondo l’Oms, non c’è alcun dato adeguato sull’intercambiabilità dei vaccini. Questa affermazione è arrivata in seguito all’annuncio della Francia che ha reso noto che le…

9 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Morte George Floyd arrivata per asfissia

George Floyd è morto per asfissia e non per overdose di fentanyl, come sostenuto dall’avvocato dell’agente Derek Chauvin. Lo ha stabilito il medico Martin Tobin,…

9 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Kim avverte la popolazione: “Arriveranno tempi duri”

Kin Jong-Un, leader nordocerano, ha lanciato l’allarme alla sua popolazione dicendo di prepararsi ad un crisi difficili paragonando i tempi che verranno ad una terribile…

9 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia