Quando l’amore è una condanna: il caso russo | T-Mag | il magazine di Tecnè

Quando l’amore è una condanna: il caso russo

di Martina Marotta

Omofobia-RussiaLe decisioni di Putin in merito alla questione gay non finiscono mai di suscitare sdegno e proteste. L’ultimo episodio di aspra critica risale a mercoledì, quando un giornalista americano, James Kirchick, invitato dall’emittente russa pro-Putin Russia Today a parlare del processo Bradley-Manning (soldato statunitense condannato a 35 anni di carcere per aver passato a Wikileaks documenti riservati), ha interrotto il dibattito sull’argomento e ha espresso tutto il suo disprezzo per le leggi russe omofobe indossando in segno di protesta due bretelle color arcobaleno. Risultato: dopo vari incitamenti da parte dei giornalisti ad attenersi all’argomento trattato, il collegamento è stato bruscamente interrotto.
Quest’ultima protesta non è però l’unica: ci sono stati infatti diversi episodi in tutto il mondo che hanno voluto appoggiare la causa gay russa. Non è da meno il nostro Paese, dove il Gay Village di Roma, un evento estivo che ha ormai sede nella Capitale da diversi anni, ha deciso di boicottare la vodka russa e ha fatto di queste leggi discutibili un argomento di dibattito, proiettando anche foto di alcuni soprusi sugli omosessuali da parte di gruppi russi neo-nazisti organizzati. Infatti, mentre nella maggior parte dei Paesi l’omofobia è un reato, in Russia le nuovi leggi sotto il governo Putin non condannano questa grave forma di intolleranza: sono comparsi su youtube video e foto di russi naziskin che umiliano i gay nei modi più disgustosi possibili, urinando addosso ai malcapitati, legandoli e picchiandoli.
Il piano di questi omofobi è più o meno così: il gruppo si finge in chat un uomo adulto desideroso di un incontro amoroso omosessuale, e quando un ragazzo abbocca all’amo, viene fissato un appuntamento. Ma ad attenderlo non c’è amore, solo intolleranza e orribili maltrattamenti.
Anche le pop-star Madonna e Lady Gaga si sono schierate in prima fila per sostenere la comunità gay russa, mentre due atlete svedesi, durante i mondiali di atletica a Mosca, hanno preso parte alla protesta sfoggiando le unghie dipinte ad arcobaleno, simbolo dei movimenti gay.
Quello che succede in Russia ha fatto scalpore, certo, ma non è l’unico Stato dove l’omosessualità è considerata un reato, purtroppo. In Iran le leggi musulmane permettono ancora barbarie quali impiccagioni o lapidazioni per rapporti sodomiti consensuali tra persone dello stesso sesso. Nel 2005 l’impiccagione di due ragazzi di appena 16 anni, condannati a morte perché innamorati, ne è un esempio lampante.
E’ inquietante ed altresì scioccante, vedere come in un mondo che dovrebbe avere ormai una certa apertura mentale il fanatismo politico-religioso continui a permettere violenze e omicidi su persone che hanno come unica colpa quella di amare.
L’amore non dovrebbe mai essere considerato reato.
Viene quasi da chiedersi se siamo davvero nel 2013.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Draghi: «Possiamo guardare al futuro con prudente ottimismo e fiducia»

«Si può guardare al futuro con prudente ottimismo e fiducia». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, intervenendo nel corso di una conferenza stampa, al…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, sparatoria a Indianapoli: otto i morti

Sono almeno otto le vittime e quattro i feriti della sparatoria  in un deposito della FedEx vicino all’aeroporto internazionale di Indianapolis (Indiana). L’autore della strage,…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Merkel: “Situazione molto seria”

Purtroppo dobbiamo dire di nuovo: la situazione è seria e cioè molto seria. La terza ondata della pandemia la fa da padrone. Lo ha detto…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giovannini: “50miliardi per trasporti e infrastrutture: la metà saranno spesi per il Sud”

Nell’ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza ai trasporti e alle infrastrutture sono destinati 50 miliardi , di cui la metà al Sud. Lo…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia