Il diario del Festival di Venezia/1 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il diario del Festival di Venezia/1

di Fabio Francesca

U.S. actor Clooney poses with actress Bullock during a photocall during the 70th Venice Film Festival in VeniceApre i battenti la settantesima edizione della mostra d’arte cinematografica di Venezia, edizione importante non solo per la kermesse giunta a un significativo anniversario ma anche per il direttore Alberto Barbera al suo secondo anno in plancia di comando, impegnato a confermare i buon auspici vistosi nella scorsa edizione ed costretto ormai ad emanciparsi e distaccarsi dal ricordo delle mostre mülleriane.
Il programma si apre con due film fuori concorso, il primo è Gravity di Alfonso Cuaròn che porta sul red carpet lidense una star hollywoodiana ormai di casa nel bel paese, ovviamente si tratta di George Clooney. Il quale però, in questa pellicola cede lo scettro di protagonista a Sandra Bullock, nei panni di una scienziata per la prima volta nello spazio. Roboanti scene catastrofico spaziali e tensioni “stellari” non salvano il film dalla noia, il quale risulta freddo come il ghiaccio sulle tute degli astronauti. Probabilmente il concentrarsi troppo sugli aspetti tecnici e spettacolari del film, il tutto esaltato dalle tre dimensioni, non salva la pellicola anzi la soffoca definitivamente trasformandola in una specie di giostra.
Il secondo film presentato fuori concorso é un progetto speciale per festeggiare i settant’anni della mostra. Venezia 70 Future roloaded , questo il titolo, é un’opera collettiva di settanta registi che hanno contribuito con un corto tra i 60 e i 90 secondi. Tema centrale il cinema e il suo futuro. Si passa da autori affermati e spesso Incoronati qui in laguna ( come Bertolucci, Kiarostami, Kim Ki-Duk, Egoyam, Tsukamoto, Weerasethakul ecc.ecc.) ad altri più giovani o meno conosciuti. Il film ovviamente risulta frammentario e difficile, purtroppo bisogna affermare che sono pochi i corti profondamente riusciti. Sembra che l’unica cosa che unisca i registi sia l’ossessione (o terrore) degli smartphone.
Dando uno sguardo alle sezioni parallele, Orizzonti viene aperto da un film storico tedesco Wolfschildren. Il film ci illustra le vicende di un gruppo di orfani alla fine della seconda guerra mondiale nella Prussia orientale (l’attuale Lituania), i cosiddetti Wolfzkinder. La pellicola seppur fredda risulta godibile e interessante aprendo uno squarcio su un avvenimento storico poco conosciuto. Una nota di merito per la fotografia in grado di immortalare paesaggi che trasportano la vicende in un’ambiente da fiaba bucolica.
Domani, nella seconda giornata della mostra inizia il concorso con ben tre film di cui uno italiano. Si tratta del debutto alla regia cinematografica di Emma Dante che passa dal palcoscenico al set.

 

Scrivi una replica

News

Gas, le riserve di gas in Italia sono piene al 75,38%

Secondo quanto reso noto da Gas Infrastructure Europe (GIE) le riserve di gas in Italia sono piene al 75,38%, contro il 72,4% della media europea.…

10 Ago 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

M5s, Conte: «Andremo da soli al voto, perché così ha deciso il Partito democratico»

«Andrà così perché hanno deciso così sin dall’inizio in modo del tutto irrazionale i vertici del Pd. Lo hanno fatto dando anche uno schiaffo agli…

10 Ago 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, inflazione all’8,5% a luglio

A luglio l’inflazione degli Stati Uniti si è attestata all’8,5%, contro l’8,7% previsto dagli analisti e il 9,1% di giugno.…

10 Ago 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Domino’s ha chiuso i locali in Italia

La nota catena di piazza all’americana, Domino’s, ha chiuso gli ultimi punti vendita rimasti in Italia. Il piano prevedeva l’apertura di 880 negozi entro il…

10 Ago 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia