La spesa per il corredo scolastico | T-Mag | il magazine di Tecnè

La spesa per il corredo scolastico

zaini_scuola“Ricominciare ad investire sulla scuola, l’istruzione e l’educazione” per rilanciare il Paese. Con questo obiettivo, il Consiglio dei ministri ha varato nella mattinata di lunedì il Dl sull’Istruzione. “Torna così il diritto allo studio”, ha sottolineato il premier Enrico Letta, parlando alla stampa nel corso della conferenza tenutasi a margine del Cdm.
Ma lo studio – oltre ad essere un diritto – comporta anche delle spese, che con il passare del tempo si fanno sempre più consistenti. Solo quest’anno, ha denunciato l’Osservatorio nazionale Federconsumatori, il costo del materiale scolastico ha subito un incremento del 2,4% rispetto al 2012. Le famiglie italiane saranno così chiamate ad un vero e proprio sacrificio: per ogni studente la spesa media si aggira attorno ai 500 euro (499,50, per la precisione) per il cosiddetto “corredo scolastico” (astucci, zaini, quaderni, penne e quant’altro) e 521 euro per libri e dizionari.
L’aumento più sostenuto dovrà però essere affrontato dagli alunni della prima media e del primo liceo. Con i primi che saranno chiamati a sostenere una spesa media di 475,78 euro per i libri di testo e un dizionario (+5% rispetto allo scorso anno scolastico). Mentre i secondi, invece, spenderanno mediamente 787,05 euro (il 6% in più rispetto al 2012) per acquistare i libri di testo e quattro dizionari. Ma l’aumento – sottolineava Federconsumatori – investe soprattutto e principalmente i libri di testo. La spesa per il “corredo scolastico” resta pressoché invariata: il costo di quaderni, quadernoni, diari e zaini di marca non ha subito variazioni. Discorso diverso per gli zainetti per gli alunni dell’asilo, il cui costo ha fatto registrare un incremento del 3%, e per le tracolle di marca (+4% rispetto allo scorso anno).
Sul capitolo libri l’intenzione del governo è quella di andare incontro alle esigenze della famiglie. “Per quest’anno scolastico – si legge sulla nota di Palazzo Chigi – gli studenti potranno utilizzare liberamente libri di testo nelle edizioni precedenti, purché conformi alle Indicazioni nazionali; otto milioni complessivi (2,7 per il 2013 e 5,3 per il 2014) vengono stanziati per finanziare l’acquisto da parte di scuole secondarie (o reti di scuole) di libri di testo ed e-book da dare in comodato d’uso agli alunni in situazioni economiche disagiate”.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Cina allenta restrizione sul Covid

La Cina ha reso noto che da oggi ci sarà un allentamento generale delle restrizioni sul Covid riducendo i requisiti obbligatori e la frequenza dei…

7 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Superbonus, Enea: «Al 30 novembre detrazioni a 64 miliardi»

«E’ aumentato a 58,11 miliardi di euro, al 30 novembre, il totale degli investimenti ammessi alla detrazione del Superbonus al 110%; a fine ottobre erano…

7 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Blinken: «Usa non hanno incoraggiato Kiev a colpire la Russia»

«Non abbiamo né incoraggiato né permesso agli ucraini di colpire all’interno della Russia». Lo ha reso noto il segretario di Stato americano Antony Blinken parlando…

7 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, piano di attacco al Bundestag: arrestati 25 membri di un gruppo terroristico

Raid della polizia tedesca oggi in tutta la Germania dove sono stati arrestati 25 membri di un “gruppo terroristico” di estrema destra sospettato di pianificare…

7 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia