Pil giù. L’Italia resta in recessione | T-Mag | il magazine di Tecnè

Pil giù. L’Italia resta in recessione

pilIn termini congiunturali, sia le importazioni di beni e servizi, sia il totale delle risorse (PIL e importazioni di beni e servizi) sono diminuiti dello 0,3%. Dal lato della domanda, le esportazioni sono aumentate dell’1,2%, mentre gli investimenti fissi lordi e i consumi finali nazionali sono diminuiti dello 0,3%. Nell’ambito dei consumi finali, la spesa delle famiglie residenti è diminuita dello 0,4%, mentre quella della PA e delle Istituzioni Sociali Private (ISP) è aumentata dello 0,1%.
La contrazione degli investimenti è stata determinata da una flessione della spesa per macchine, attrezzature e altri prodotti (-0,2%) e degli investimenti in costruzioni (-1,0%), mentre quelli in mezzi di trasporto hanno registrato un aumento del 4,0%.
La spesa delle famiglie sul territorio nazionale ha registrato una diminuzione, in termini tendenziali, del 3,2%; in particolare, gli acquisti di beni durevoli sono diminuiti del 7,1%, gli acquisti di beni non durevoli del 3,3% e gli acquisti di servizi dell’1,8%. Gli investimenti fissi lordi hanno segnato nel complesso una diminuzione tendenziale del 5,9%. In particolare, si registra una flessione del 7,5% degli investimenti in costruzioni e del 5,4% della spesa in macchinari e altri prodotti, mentre gli investimenti in mezzi di trasporto sono aumentati del 2,3%.
Nel secondo trimestre, il PIL è cresciuto in termini congiunturali dello 0,7% in Germania e nel Regno Unito, dello 0,6% negli Stati Uniti e in Giappone e dello 0,5% in Francia. In termini tendenziali, si è registrato un aumento dell’1,6% negli Stati Uniti, dell’1,5% nel Regno Unito, dello 0,9% in Giappone, dello 0,5% in Germania e dello 0,3% in Francia. Nel complesso, il Pil dei paesi dell’area Euro è aumentato dello 0,3% rispetto al trimestre precedente ed è diminuito dello 0,5% nel confronto con lo stesso trimestre del 2012.
Nel secondo trimestre tutti i comparti di attività economica registrano una diminuzione congiunturale del valore aggiunto: -2,2% per l’agricoltura, -0,1% per l’industria in senso stretto, -0,9% per le costruzioni, -0,5% per il settore che raggruppa le attività del commercio, alberghi e pubblici esercizi, trasporti e comunicazioni, -0,1% per il settore del credito, assicurazioni, attività immobiliari e servizi professionali e -0,3% per gli altri servizi.
In termini tendenziali, il valore aggiunto dell’agricoltura è diminuito del 2,6%, quello dell’industria in senso stretto del 2,5%, quello delle costruzioni 6,9% e quello dei servizi dell’1,2%.
Rispetto al trimestre precedente, il deflatore del PIL è aumentato dello 0,3%. Il deflatore della spesa delle famiglie residenti e quello degli investimenti sono cresciuti dello 0,2%. Il deflatore delle importazioni è diminuito dello 0,9% e quello delle esportazioni dello 0,3%. In termini tendenziali, il deflatore del Pil è aumentato dell’1,2%, quello della spesa delle famiglie residenti dell’1,4%.
Sulla situazione economica italiana è intervenuto il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco. “I recenti indicatori mostrano un graduale miglioramento dell’economia – ha affermato Visco al Council of Councils Regional Conference -, i segnali dicono che la contrazione dell’economia sta arrivando al termine. Il calo della produzione dovrebbe fermarsi nei prossimi mesi, ma i rischi al ribasso di questo scenario sono accresciuti dalle preoccupazioni degli investitori per la possibile instabilità politica”

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Cina allenta restrizione sul Covid

La Cina ha reso noto che da oggi ci sarà un allentamento generale delle restrizioni sul Covid riducendo i requisiti obbligatori e la frequenza dei…

7 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Superbonus, Enea: «Al 30 novembre detrazioni a 64 miliardi»

«E’ aumentato a 58,11 miliardi di euro, al 30 novembre, il totale degli investimenti ammessi alla detrazione del Superbonus al 110%; a fine ottobre erano…

7 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Blinken: «Usa non hanno incoraggiato Kiev a colpire la Russia»

«Non abbiamo né incoraggiato né permesso agli ucraini di colpire all’interno della Russia». Lo ha reso noto il segretario di Stato americano Antony Blinken parlando…

7 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, piano di attacco al Bundestag: arrestati 25 membri di un gruppo terroristico

Raid della polizia tedesca oggi in tutta la Germania dove sono stati arrestati 25 membri di un “gruppo terroristico” di estrema destra sospettato di pianificare…

7 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia