Enpa: “Sempre meno doppiette, gli italiani non tollerano più gli spari” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Enpa: “Sempre meno doppiette, gli italiani non tollerano più gli spari”

«Domenica 15 settembre al via l’apertura generale stagione venatoria e ben poco, purtroppo, sembra cambiare nel nostro Paese. Infatti, saranno decine di milioni gli animali che verranno sterminati solo per un crudele gioco. Mentre cresce l’ostilità degli italiani nei confronti di una pratica che sfocia spesso nell’illegalità, favorita dall’assenza di controlli. Un’illegalità che riguarda anche i calendari venatori emanati dalle Regioni, che, in violazione sia della direttiva europea “Uccelli”, sia della stessa legge nazionale 157/92, permettono gli spari durante le fasi più delicate della vita dell’avifauna, cioè durante la fase di migrazione pre-nuziale, di nidificazione, di riproduzione e dipendenza dei piccoli dai genitori. Una illegalità conclamata e arrogante che rischia di farci condannare nuovamente dall’Europa». Queste le parole con cui l’Enpa commenta il via alla nuova stagione di spari, autorizzati per il “divertimento” di pochi.
Infatti, secondo quanto dichiarato dal Ministero dell’Interno in risposta ad una interrogazione parlamentare, dati certi parlano ancora di una relativa stabilità del numero dei cacciatori che si attestano sull’1% della popolazione. Del resto, sono numerose le preoccupazioni dei cacciatori per il calo numerico denunciato dalle stesse associazioni venatorie e sottolineato non solo da molte interrogazioni regionali ma anche da altrettante fonti di stampa. La caccia, lentamente, malgrado ogni tentativo di riportarla in auge anche tra gli italiani, si avvicina in modo inesorabile all’estinzione che l’Enpa si augura avvenga il più velocemente possibile.
Gli italiani d’altro canto sono esasperati dal clima che lo stesso mondo venatorio crea: oltre alla questione della pubblica sicurezza – ogni anno vengono feriti e spesso uccisi anche esseri umani oltre ad animali d’affezione come cani e gatti – i cacciatori sono ancora gli unici a poter entrare nei fondi privati grazie alla sopravvivenza dell’arcaico articolo 842 del codice civile, di cui da anni si chiede l’abolizione per rispettare il diritto di ogni cittadino a tutelare la sua proprietà privata. Esistono poi risvolti ben più nascosti come l’abbandono dei cani da caccia, fenomeno che riempie i canili anche della nostra associazione, o la loro reclusione in box angusti durante i mesi in cui la caccia e vietata, come hanno denunciato spesso le stesse Guardie Zoofile dell’Enpa. Per non parlare poi del bracconaggio, denunciato anche in recenti conferenze internazionali, per cui si parla di un vero “caso Italia”.
Gli italiani si continuano a chiedere perché i cacciatori, che pure si ergono a difensori dell’ambiente e della natura, continuano a voler uccidere per “divertimento” specie – ben 19 – le cui popolazioni sono particolarmente in crisi, in Italia come all’estero, al punto che l’Europa stessa ci chiede di sospenderne il “prelievo”. L’Enpa rivolge questa stessa domanda al Governo, facendo appello al rispetto delle regole comunitarie, al rispetto dei pareri scientifici, all’assoluta necessità di tutela di una biodiversità sempre più impoverita e devastata nei suoi habitat.
E’ quanto si legge in una nota dell’Enpa, l’Ente nazionale per la protezione degli animali.

 

Scrivi una replica

News

Ilo: «Italia peggiore nel G20 per salari reali, -12% da 2008»

I salari in Italia sono più bassi del 12% rispetto al 2008 in termini reali. E’ quanto emerge dal Global Wage Report 2022-23 presentato dall’Ilo,…

2 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giorgetti: «Centreremo gli obiettivi entro fine anno»

«In questi giorni, stiamo lavorando intensamente per conseguire i 55 obiettivi del II semestre 2022, per poter presentare a Bruxelles la terza richiesta di pagamento…

2 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bonomi: «Per flat tax e prepensionamenti penalizzate le imprese»

«Le risorse mancate per gli investimenti delle imprese si devono anche al fatto che una parte delle risorse a disposizione, al netto degli interventi sull’energia,…

2 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bce, Lagarde: «Fondamentale riportare l’inflazione al target 2%»

«La Bce, date le incertezze sull’economia globale e la volatilità dei prezzi, deve assicurare che in tutti gli scenari l’inflazione tornerà al nostro obiettivo velocemente».…

2 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia