Giustizia, il via libera dell’Unione europea all’infrazione sulla responsabilità civile dei magistrati | T-Mag | il magazine di Tecnè

Giustizia, il via libera dell’Unione europea all’infrazione sulla responsabilità civile dei magistrati

La Commissione europea ha dato il via libera ad una procedura d’infrazione contro l’Italia per i limiti posti alla responsabilità civile dei giudici nell’applicazione del diritto europeo.
La proposta è stata avanzata a causa del mancato rispetto della condanna decretata per lo stesso motivo dalla Corte di giustizia dell’Unione europea nel 2011.
Secondo i giudici europei la legge italiana sulla responsabilità civile dei magistrati li renderebbe quasi del tutto immuni dalle conseguenze del loro operato.

 

1 Commento per “Giustizia, il via libera dell’Unione europea all’infrazione sulla responsabilità civile dei magistrati”

Scrivi una replica

News

Copasir, Guerini eletto presidente

Lorenzo Guerini, deputato del Partito democratico, è stato eletto presidente del Copasir, il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica, deputato a vigilare sull’operato dei…

6 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Mosca: «Attacco con un drone di Kiev nella regione russa di Kursk»

Un drone ucraino ha attaccato un aeroporto nella regione russa di Kursk, al confine con l’Ucraina. Lo ha reso noto il suo governatore dopo che…

6 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Indonesia, approvata la legge che vieta il sesso fuori dal matrimonio

 Il Parlamento indonesiano ha approvato degli emendamenti legislativi che vietano il sesso prematrimoniale e apportano altre modifiche significative al Codice penale del Paese. Gli atti…

6 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fitch: «Tagliate stime del Pil mondiale: migliora l’Italia»

«Il mondo nel 2023 ‘rallenta’. Infatti il Pil a causa dell’intensificarsi della lotta all’inflazione da parte delle banche centrali e del deterioramento delle prospettive del…

6 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia