L’Italia che perde competitività | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’Italia che perde competitività

partenza_crisi_politicaQuanto a produttività l’Italia non riesce proprio a decollare. E’ l’unico Paese insieme alla Finlandia, infatti, che secondo il Rapporto della Commissione europea sulla Competitività, è peggiorato piazzandosi anche sotto la Spagna e la Grecia. E ancora: Portogallo, Irlanda e Cipro. Paesi che, nonostante abbiano subito più di altri la crisi economica, almeno sotto il punto di vista della competitività sono riusciti a fare meglio di noi, soprattutto – nei casi spagnolo e greco – dopo avere approvato le recenti riforme del mercato del lavoro.
Secondo l’Unione europea la combinazione fatale dei dieci anni a questa parte è stata quella tra gli aumenti dei salari lordi nominali e la scarsa crescita competitiva. Un composto che ha portato al declino di cui tutti siamo a conoscenza.
Nel rapporto, che verrà approvato a breve da Bruxelles, si legge che dal 2007 ad oggi l’Italia ha assistito ad una più che marcata deindustrializzazione, tanto da registrare un crollo del 20%. Ciononostante la quota di valore aggiunto del settore manifatturiero risulti maggiore rispetto alla media dell’Unione europea, anche se di poco.
Guardando più in generale all’Europa, secondo Bruxelles, in termini di competitività, sono stati fatti innumerevoli passi avanti. Tuttavia le sfide aperte restano ancora molte. Germania a parte, la maggior parte delle realtà del vecchio continente mostra ancora problemi dovuti soprattutto ai costi troppo alti dell’energia, agli scarsi investimenti nella ricerca e nell’innovazione, alla mancata risoluzione dei problemi legati all’accesso al credito e, naturalmente, ad una pressante burocrazia.

 

Scrivi una replica

News

«Durante la pandemia il 13% degli over 45 ha provato depressione per la prima volta»

Il biennio pandemico ha messo a dura prova la salute mentale di molte persone. Lo conferma uno studio coordinato dall’Università di Toronto, in Canada, pubblicato…

25 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inquinamento: nel 2020, nell’Ue, 238 mila morti premature a causa dell’inquinamento da polvere sottili

Nel 2020, nell’Unione europea, sono state registrate 238 mila morti premature a causa dell’inquinamento da polvere sottili. Lo denuncia l’Aee, l’Agenzia europea dell’ambiente, sottolineando che…

25 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stoltenberg: «Putin sta fallendo, per questo compie attacchi brutali»

«Vladimir Putin sta fallendo in Ucraina e dunque procede con maggiore brutalità, attaccando gli obiettivi civili, privando le persone di luce, acqua e cibo: per…

25 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cremlino: «Kiev non riconquisterà la Crimea»

«L’Ucraina non riconquisterà la Crimea». Lo ha affermato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, citato dalla Tass, rispondendo a quanto affermato dal presidente ucraino Volodymyr…

25 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia