Entrate tributarie e debito pubblico | T-Mag | il magazine di Tecnè

Entrate tributarie e debito pubblico

mefLe entrate tributarie e contributive nel primi otto mesi del 2013 mostrano nel complesso una riduzione dello 0,4 per cento (-1.816 milioni di euro) rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente. La variazione registrata è la risultante tra la crescita delle entrate tributarie (+422 milioni di euro, pari al +0,1 per cento) e la contrazione evidenziata, in termini di cassa, nel comparto delle entrate contributive (-1,6 per cento). Queste ultime scontano, nel confronto con l’anno precedente, un’entrata straordinaria di circa 1.000 milioni di euro registrata nel luglio 2012, legata al recupero di crediti già cartolarizzati.
Le entrate tributarie nel periodo gennaio-agosto 2013 evidenziano un aumento del gettito pari a 422 milioni di euro (+0,1 per cento). Sostanzialmente invariate rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente le entrate contabilizzate al bilancio dello Stato (-722 milioni di euro, -0,3 per cento).
Crescono le imposte degli enti locali (+2.275 milioni di euro, +7,2 per cento) e i ruoli incassati (+107 milioni di euro, +2,3 per cento). Aumentano le poste correttive, che nettizzano il bilancio dello Stato (-1.238 milioni di euro, -5,8 per cento).
Nei primi otto mesi dell’anno le entrate tributarie erariali accertate in base al criterio della competenza giuridica ammontano a 267.964 milioni di euro (–722 milioni di euro, pari a –0,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente). In particolare risultano pari a 147.761 milioni di euro (+3.467 milioni di euro pari a +2,4 per cento) le imposte dirette e a 120.203 milioni di euro (–4.189 milioni di euro, pari a –3,4 per cento) le imposte indirette. L’andamento favorevole delle imposte dirette riflette l’incremento del gettito delle imposte sostitutive sui redditi da capitale, per effetto principalmente del risultato registrato nel mese di febbraio dall’imposta sostitutiva delle imposte sui redditi nonché ritenute su interessi e altri redditi di capitale (+1.047 milioni di euro), dall’imposta sostitutiva sui redditi da capitale e sulle plusvalenze (+879 milioni di euro) e dall’imposta sostitutiva sul valore dell’attivo dei fondi pensione (+441 milioni di euro). Il gettito Irpef si è attestato a 109.300 milioni di euro (-753 milioni di euro, pari a –0,7 per cento) per effetto dell’andamento negativo dei versamenti in autoliquidazione (–1.414 milioni di euro, pari a –14,2%).
Registrano una lieve variazione negativa le ritenute sui redditi di lavoro dipendente del settore privato (–0,9%), mentre si riducono in misura più consistente le ritenute sui redditi dei lavoratori autonomi (–532 milioni, pari a –5,8%), favorevole risulta invece la dinamica delle ritenute sui redditi di lavoro dipendente del settore pubblico e redditi da pensione (+1.407 milioni di euro, pari a +3,2%) dovuta ai versamenti effettuati dall’Inps a titolo di ritenute derivanti dalle operazioni di conguaglio fiscale; in crescita significativa l’IRES che presenta un gettito di 18.842 milioni di euro (+1.317 milioni di euro, pari a +7,5 per cento) a seguito dei versamenti in autoliquidazione. Ammontano a 199 milioni di euro i versamenti dell’imposta municipale per la sola quota destinata all’erario ai sensi del D.L. 201/2011 e a 1.862 milioni di euro l’IMU riservata all’erario derivante dagli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D. Nel confronto con le entrate Imu relative ai primi otto mesi del 2012 occorre tener conto delle modifiche normative intervenute nella disciplina dell’imposta. Infatti l’art.1 del D. L. n. 54 del 2013 ha previsto la sospensione del pagamento della prima rata dell’IMU per alcune tipologie di immobili (abitazione principale, unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, terreni agricoli e fabbricati rurali), abolita definitivamente dal D.L. n. 102 del 31/8/2013. L’art. 1 comma 380 lettera f) della Legge di Stabilità per il 2013 ha inoltre modificato la ripartizione del gettito tra comune ed erario riservando allo Stato unicamente il gettito dell’Imu derivante dagli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D, calcolato applicando l’aliquota di base dello 0,76% alla base imponibile.
euriTra le imposte indirette, la dinamica dell’IVA (–3.724 milioni di euro, pari a –5,2%) riflette la flessione registrata dalla componente relativa agli scambi interni (–2,0%) e di quella relativa alle importazioni da Paesi extra Ue (–22,1%) che risentono fortemente dell’andamento del ciclo economico sfavorevole.
In crescita i ruoli incassati nel periodo gennaio-agosto 2013 rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente che ammontano a complessivi 4.808 milioni di euro (+107 milioni di euro, +2,3 per cento). Le entrate tributarie del bilancio dello Stato incassate nei primi otto mesi del 2013 ammontano a 257.090 milioni di euro e crescono rispetto allo stesso periodo del 2012 di +119 milioni di euro (+0,0 per cento). Le imposte indirette registrano una flessione di –4.056 milioni di euro (-3,5 per cento), per effetto dell’andamento negativo del gettito IVA (-3.116 milioni di euro, pari al –4,4 per cento), di quello dei tabacchi (-428 milioni di euro, -6,2 per cento) e di quello degli oli minerali (-469 milioni di euro, -3,1 per cento). Al contrario le imposte dirette mostrano un aumento significativo (+4.175 milioni di euro, +3,0 per cento), trainato dalla dinamica favorevole di tutto il comparto. In particolare l’IRPEF (+203 milioni di euro, pari al +0,2 per cento), l’IRES (+831 milioni di euro, pari al +4,5 per cento) e l’imposta sostitutiva su ritenute, interessi e altri redditi di capitale (+1.047 milioni di euro, +17,7 per cento).
Gli incassi contributivi registrati nei primi otto mesi del 2013 si sono attestati sui 141.731 milioni di euro, con una flessione dell’1,6 per cento rispetto al 2012, risultato che sconta un incasso straordinario che si è verificato nel mese di luglio 2012 relativo ai crediti già cartolarizzati dell’INPS, al netto del quale la flessione delle entrate contributive risulterebbe dello 0,9 per cento.
Le entrate contributive dell’INPS sono complessivamente diminuite dell’1,3 per cento rispetto al periodo gennaio-agosto 2012 (-0,4 per cento al netto dell’incasso straordinario del 2012). In flessione i contributi delle aziende tenute alla presentazione delle denunce-rendiconto e quelli delle gestioni dei parasubordinati ed ex-INPDAP; sono invece in aumento le entrate contributive dei lavoratori autonomi, dei domestici e degli agricoli.
I premi incassati dall’INAIL hanno registrato una contrazione pari a circa 300 milioni di euro.
Per quanto riguarda invece il debito pubblico risulta che nei primi otto mesi dell’anno, spiega la Banca d’Italia, è lievitato di 70,6 miliardi di euro. A incidere è stato soprattutto il fabbisogno delle amministrazioni pubbliche, di 57,8 miliardi. Anche le disponibilità liquide del Tesoro hanno giocato la loro parte, con 12 miliardi. Tuttavia ad agosto rispetto a luglio è sceso di 13,9 miliardi di euro il debito delle amministrazioni pubbliche.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 41,3 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 41.341.755. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

22 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ambiente, nel 2019 l’inquinamento atmosferico ha ucciso 6,7 milioni di persone

Nel 2019, l’inquinamento atmosferico ha causato la morte di 6,7 milioni di persone in tutto il mondo, rendendolo la quarta causa di morte dietro l’ipertensione,…

22 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conti pubblici, nel secondo trimestre il debito pubblico italiano ha raggiunto il 149,4% del Pil

Nel secondo trimestre del 2020, il debito pubblico italiano ha raggiunto il 149,4% del Prodotto interno lordo – è il secondo più alto nell’Ue, dopo…

22 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, il Premio Sakharov è stato assegnato all’opposizione bielorussa

Il Parlamento europeo ha assegnato all’opposizione bielorussa il Premio Sakharov, che viene conferito a individui e gruppi che difendono i diritti umani e le libertà…

22 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia