Poveri raddoppiati in cinque anni | T-Mag | il magazine di Tecnè

Poveri raddoppiati in cinque anni

poverta_crisiParlando di fronte alle commissioni Bilancio di Camera e Senato il presidente di Istat, Antonio Golini ha dichiarato che gli analisti hanno previsto una contrazione del Pil del 2013 pari all’1,8% “rispetto al livello del 2012”. L’Istat è quindi ottimista e intravede la fine della recessione entro la fine dell’anno. Una recessione che ha messo in ginocchio sempre più italiani: basti pensare che tra il 2007 ed il 2012 il numero di individui in povertà assoluta è raddoppiato, passando da 2,4 a 4,8 milioni.
“La recessione – spiega Golini – ha determinato gravi conseguenze sulla diffusione e sull’intensità del disagio economico nel nostro Paese. La crescita dell’incidenza della povertà assoluta va dagli oltre otto punti percentuali, quando il capofamiglia è in cerca di lavoro (dal 15,5 al 23,6 per cento), ai 5,8 punti tra le coppie con tre o più figli (dal 10,4 al 16,2 per cento, con un incremento di oltre sei punti se i figli sono minori), ai quasi cinque punti percentuali (dal 12,3 al 17,2 per cento) per le famiglie con cinque o più componenti. L’incremento scende a 3 punti percentuali per le famiglie con quattro componenti (dal 5,2 all’8,3 per cento) ed a quasi due punti (dal 4,7 al 6,6%) per quelle con tre componenti”.
Un dato che si riflette anche nella composizione degli acquisti: è emerso un incremento del peso dei prodotti di qualità e prezzo inferiori rispetto a quello del periodo pre-crisi. Basti pensare che nel primo semestre del 2013, il 17% delle famiglie, l’1,6% in più rispetto al 2012 e il 4,9% in più sul 2011, dichiara di aver diminuito la quantità di generi alimentari acquistati scegliendo inoltre prodotti di qualità inferiore.
Rimanendo in tema di spesa e consumi, l’Istat stima che con l’aumento dell’Iva, previsto dalla legge di Stabilità, l’inflazione potrebbe crescere dello 0,3% entro la fine del 2013 e l’inizio del 2014.
Per quanto riguarda invece la Pubblica amministrazione l’Istat ritiene che “tra il 2010 e il 2012 le spese per il personale dipendente sono diminuite di 6,6 miliardi di euro e quelle per le sole retribuzioni lorde di 5,8 miliardi”.
“Come si è visto – spiega Golini – uno dei fattori che ha permesso la diminuzione della spesa per il personale è stata la contrazione delle retribuzioni di fatto pro capite degli ultimi due anni”.
Sempre riguardo i dipendenti della Pubblica amministrazione Golini ha spiegato che l’estensione per tutto il 2014 di un blocco degli incrementi dell’indennità di vacanza contrattuale e dello scenario inflazionistico, implicherebbe “un’ulteriore perdita di potere di acquisto pari a circa quattro punti percentuali. Tale perdita di potere di acquisto sommata a quella registrata tra il 2010 e il 2012 porterebbe la riduzione delle retribuzioni pro capite in termini reali del pubblico impiego a oltre dieci punti percentuali rispetto al 2010”.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, la Bce ha lasciato i tassi di interesse invariati

La BCE, la Banca centrale europea, ha lasciato invariati i tassi d’interesse. Lo ha reso noto la BCE dopo la riunione di politica monetaria. Il…

29 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, nel terzo trimestre il Pil è cresciuto del 33,1%

Nel terzo trimestre 2020, il Prodotto interno lordo degli Stati Uniti è cresciuto del 33,1%. Lo ha reso noto il Dipartimento del Commercio statunitense. Si…

29 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia: riattivato stato di emergenza attentati

La Francia ha riattivato lo stato d’emergenza relativo agli attentati, secondo  quanto riporta il sito internet di radio Europe 1. Il ministro dell’Interno, Gérald Darmanin…

29 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia: attentato a Nizza nella cattedrale di Notre Dame

Un nuovo attentato in Francia, stavolta a Nizza. Viene riferito di un assalto con coltello avvenuto questa mattina, intorno alle 9, nella cattedrale Notre Dame…

29 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia