Città italiane ancora poco ecosostenibili | T-Mag | il magazine di Tecnè

Città italiane ancora poco ecosostenibili

di Matteo Buttaroni

traffico rifiutiBasterebbe che le città italiane rispettassero tutti i limiti di legge per raggiungere a pieni voti la vetta della classifica sull’ecostenibilità. Eppure le migliori undici città del nostro Paese raggiungono appena la sufficienza superando a mala pena i 60 punti su 100, di queste undici come grande città figura solo Venezia.
E’ quanto emerge dal Rapporto di Legambiente Ecosistema Urbano XX edizione. Secondo lo studio degli ambientalisti le gradi città italiane, come Roma, Milano e Palermo, sarebbero ancora impantanate in quei soliti problemi che le costringono ad abbassare la testa di fronti alle grandi capitali e città straniere. Milano, per esempio, è ancora in emergenza smog e la raccolta differenziata è ferma sotto quota 40%, a 25 punti dall’obiettivo minimo previsto dalla normativa. Per non parlare di Roma, definita da Legambiente “un parco auto private da record”. La capitale gode di un tasso di motorizzazione più che doppio rispetto alle grandi capitali europee. Per quanto riguarda la raccolta differenziata dei rifiuti, l’Urbe è ferma al 25% crescendo di appena l’1% l’anno. Continuando di questo passo per raggiungere il limite minimo previsto dalla normativa, a Roma occorrerebbero circa 40 anni, minimo. Scendendo ancora arriviamo a Palermo. La città siciliana riesce a depurare meno dei due quinti dei reflui fognari. Anche in questo caso la situazione traffico e, di conseguenza, smog sono al limite. Basti pensare che i bus sono usati dai palermitani in media 41 volte all’anno: meno di due viaggi andata/ritorno al mese.
Queste mancanze di ecosostenibilità fanno piazzare Roma al decimo posto nella classica delle grandi città, con appena il 42,81 punti su cento, Milano all’ottavo posto con 46,52 punti e Palermo al penultimo posto, quindi il 14esimo, con 26,25 punti su cento. Al primo posto tra le grandi città troviamo invece Venezia che, vuoi anche per la conformazione urbana, risulta la città più ecosostenibile con 64,85 punti. Segue Bologna con 53,22 punti. Sempre sul podio, c’è poi Padova, con 53,22 punti, seguita da Verona con 51,64. Il quinto posto è invece riservato a Genova con 51,17 punti e il sesto a Trieste con 48,02 punti su cento. Segue a ruota Firenze che, con 47,70 punti, si piazza appena sotto Milano cui segue invece Torino con 46,31 punti. Napoli occupa invece l’undicesimo posto con 40,01 punti. Fanalino di coda tutte città de Mezzogiorno: Messina, dodicesimo posto con 34,12 punti; Bari, tredicesimo con 31,83 punti; Palermo come già detto 14esimo e infine Catania con appena 25,59 punti su cento.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 41,8 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 41.809.596. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre cento accademici hanno chiesto misure restrittive più drastiche al governo

Oltre cento scienziati e docenti universitari hanno scritto un appello al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e a quello del Consiglio, Giuseppe Conte. Nella lettera,…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

«Negli Stati Uniti, con il coronavirus persi 2,5 milioni di anni di potenziale vita umana»

Circa 2,5 milioni di anni di potenziale vita umana. A tanto ammonta il “costo” del coronavirus negli Stati Uniti. La stima è contenuta in uno…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito e Giappone firmano accordo commerciale

È stato siglato oggi il primo accordo commerciale post-Brexit per il Regno Unito. Si tratta dell’intesa con il Giappone (firma avvenuta a Tokyo, presente per…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia