L’Italia torna sotto osservazione | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’Italia torna sotto osservazione

di Mirko Spadoni

commissione _europeaL’Italia torna sotto osservazione. A deciderlo è stata la Commissione europea, che ha annunciato l’avvio di “un’analisi approfondita” sulla situazione economica del nostro Paese. Troppi, secondo la Commissione, sono i rischi derivanti dai numerosi squilibri macroeconomici come il debito elevato, la disoccupazione (secondo l’Ocse, a settembre ha raggiunto il 12,5% mentre quella giovanile ha toccato quota 40,4%) e la perdita di quote di mercato, che “resta significativamente sopra la soglia di guardia”.
Molti sono quindi i fattori che hanno allarmato la Commissione europea, che – nel suo rapporto sugli sbilanci economici dei Paesi membri, l’Alert Mechanism Report 2014 – avverte: “Povertà ed esclusione sociale in Italia sono aumentate in modo significativo”. Di qui l’invito del presidente della Commissione europea, José Manuel Barroso, a “completare le riforme promesse dal governo”. Nonostante l’instabilità politica, che al momento “non ha esposto a rischi i progressi raggiunti”.
La Commissione pone quindi l’accento sul rischio “povertà”, che – stando ai dati raccolti dall’Istat – nel 2012 ha già colpito ben 9 milioni e 563 mila persone, ovvero il 15,8% della popolazione totale (nel 2011, era il 13,6%). Di questi, 4 milioni e 814 mila vivono in povertà assoluta (i più poveri tra i poveri misurati sulla base di un paniere e servizi essenziali) pari all’8% della popolazione (5,7% nel 2011).
“Il debito molto elevato resta – spiega Bruxelles – una vulnerabilità significativa dell’Italia, in particolare vista la prospettiva debole di crescita”. Per inciso: secondo l’Istat, nel 2013 il Pil arretrerà dell’1,8% mentre nel 2014 è prevista una crescita dello 0,7%. Diverse le stime del governo, che prevede per il 2013 un -1.7% e per il 2014 un +1%.
Bruxelles ha inoltre deciso di avviare un’”analisi approfondita sull’elevata eccedenza di bilancio” della Germania. Scopo dell’indagine: capire se Berlino “può fare di più per contribuire al riequilibrio dell’economia europea”. Tutto questo perché il surplus della Germania “può mettere pressione sull’apprezzamento dell’euro e rendere difficile il recupero della competitività dei Paesi periferici dell’Eurozona”.

segui @SpadoniMirko

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 41,3 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 41.341.755. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

22 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ambiente, nel 2019 l’inquinamento atmosferico ha ucciso 6,7 milioni di persone

Nel 2019, l’inquinamento atmosferico ha causato la morte di 6,7 milioni di persone in tutto il mondo, rendendolo la quarta causa di morte dietro l’ipertensione,…

22 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conti pubblici, nel secondo trimestre il debito pubblico italiano ha raggiunto il 149,4% del Pil

Nel secondo trimestre del 2020, il debito pubblico italiano ha raggiunto il 149,4% del Prodotto interno lordo – è il secondo più alto nell’Ue, dopo…

22 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, il Premio Sakharov è stato assegnato all’opposizione bielorussa

Il Parlamento europeo ha assegnato all’opposizione bielorussa il Premio Sakharov, che viene conferito a individui e gruppi che difendono i diritti umani e le libertà…

22 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia