La “ripresina” dello spettacolo in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

La “ripresina” dello spettacolo in Italia

di Matteo Buttaroni

concertoIl primo semestre del 2013 lascia finalmente intravedere un alone di ottimismo per le entrate del mondo dello spettacolo. Secondo i dati rilevati dalla Siae, infatti, il periodo preso in questione ha evidenziato importanti segnali di ripresa, o almeno così è stato in alcuni settori. Rispetto ai primi sei mesi del 2012 l’offerta di spettacoli è cresciuta dell’1,38% con un relativo aumento degli incassi dello 0,69%. In aumento anche la spesa del pubblico che è cresciuta del 5,01%. Segno negativo tuttavia per la spesa al botteghino, in calo del 2,15% e per il volume d’affari, in diminuzione del 3,08%. Più nello specifico: il cinema ha registrato un aumento dello 0,22% negli spettacoli e un aumento del 3,95% negli ingressi. Altro dato positivo è quello della spesa del pubblico in aumenti del 5,06%. Flessione per la spesa al botteghino, dello 0,86%, e per il volume d’affari, in calo dello 0,93%. A contribuire al ritorno degli spettatori potrebbe essere la politica al ribasso del prezzo di ingresso nelle sale, il prezzo del biglietto è sceso in media 4,63%. Passando all’attività teatrali la Siae ha rilevato che, fatta eccezione per l’aumento dello 0,5% nell’offerta degli spettacoli, tutti gli altri indicatori hanno registrato cali: gli ingressi sono diminuiti del 4,08%, la spesa al botteghino del 7,22%, la spesa del pubblico è scesa del 3,86% mentre il volume d’affari si è ridotto del 7,02%.
Passando ai concerti si può notare come sia sceso il numero di spettacoli, del 2,58%, al contrario di tutti gli altri indicatori che hanno registrato una crescita. Gli ingressi sono cresciuti del 9,70%, la spesa al botteghino è cresciuta ben del 23,84%, la spesa del pubblico del 28,93% e il volume d’affari del 19,81%.
Altalenante il comparto ballo e concertini: se dal lato dell’offerta di spettacoli (+4,48%) e della spesa del pubblico (+2,71%) si è registrato una crescita, non è andata altrettanto bene per gli ingressi (in calo del 5,75%), per la spesa al botteghino (-9,61%) e per il volume d’affari (-8,82%). Nonostante la riduzione del 16,55% nel prezzo medio del biglietto di ingresso, una profonda crisi è stata registrata nel comparto spettacolo viaggiante e in particolare nel settore dei parchi divertimento.
L’offerta di spettacoli è infatti scesa del 7,66% e la spesa al botteghino del 15,06%. Male anche la spesa del pubblico che scende del 13,29%. Contrazione del 17,77% per il volume di affari. L’unico aumento registrato riguarda gli ingressi, cresciuti dell’1,78%. Va tuttavia ricordato che il periodo di maggiore attivitò dello spettacolo viaggiante è l’estate, che in gran parte ricade nel secondo semestre.
Sostanzialmente positivo invece il settore delle mostre e delle esposizioni che negli spettacoli ha registrato un aumento del 9,41%, negli ingressi del 2,97%, nella spesa al botteghino dello 0,43%, nella spesa del pubblico del 20,70% e nel volume d’affari del 16,94%. Anche per le attività con pluralità di generi nel primo semestre del 2013 si sono riscontrati dati positivi. Gli spettacoli sono infatti aumentati dell’8%, gli ingressi dell’11,03% e la spesa del pubblico del 17,32%. Al contrario si è registrata una discesa del 4,27% per la spesa al botteghino e del 2,96% nel volume d’affari. Come per gli spettacoli viaggianti anche in questo caso si parla di attività prettamente estive, il dato è quindi normale che non sia del tutto ottimista.
Passando invece all’attività sportiva è possibile notare come, soprattutto a causa del calcio, siano precipitati in un profondo rosso tutti gli indicatori: si parla infatti di un calo del 4,94% negli ingressi, la spesa al botteghino è scesa invece del 5,08%, la spesa del pubblico del 2,69% e il volume d’affari del 6,57%. Unico indicatore in salita è quello relativo al numero di spettacoli, in aumento del 14,54%.

Segui @MatteoButtaroni

 

Scrivi una replica

News

Ue, rinnovato regime di sanzioni contro Isis e al-Qaeda

Il Consiglio dell’UE ha rinnovato oggi il regime di sanzioni contro l’Isis e al-Qaeda (che consistono tra le altre cose in un congelamento dei beni…

19 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

«Nell’Ue, tra marzo e giugno, 168mila decessi in più rispetto alla media»

Tra marzo e giugno 2020, nei 26 Paesi dell’Unione europea che hanno reso disponibili i dati, sono stati registrati 168mila decessi in più rispetto al…

19 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Spadafora: «Su palestre, piscine e centri sportivi prevalsa scelta di buon senso»

«Palestre, piscine e centri sportivi restano aperti!». Ill ministro per le Politiche giovanili e lo Sport, Vincenzo Spadafora, ha commentato così le misure contenute nell’ultimo…

19 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, nel mondo i contagi hanno superato i 40 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 40.076.184 A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

19 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia