Un italiano su tre è a rischio povertà | T-Mag | il magazine di Tecnè

Un italiano su tre è a rischio povertà

Nel 2012, quasi tre cittadini su dieci “sono a rischio povertà o esclusione sociale”. Questo è quanto emerge da una rilevazione condotta dall’Istat, secondo cui nel corso dell’ultimo anno il 29,9% delle persone residenti in Italia (dove il 20% più ricco delle famiglie percepisce il 37,5% del reddito totale, mentre al 20% più povero spetta l’8%) è a rischio di povertà o esclusione sociale, “secondo – precisa l’Istat – la definizione adottata nell’ambito della strategia Europa 2020”. “L’indicatore – si legge ancora nella nota – deriva dalla combinazione del rischio di povertà (calcolato sui redditi 2011), della severa deprivazione materiale e della bassa intensità di lavoro”. Ma il dato preoccupa ancor di più, se si pensa che rispetto al 2011, l’indicatore è cresciuto di 1,7 punti percentuali, a causa dell’aumento della quota di persone in famiglie “severamente deprivate” (dall’11,2% al 14,5%). Mentre risulta stabile la quota di persone che vivono in famiglie a rischio di povertà è sostanzialmente stazionaria (19,4%). Un dato in controtendenza rispetto agli ultimi anni: il 2010 e il 2011. Si “mantiene stabile”, dal 2010, anche quella relativa alla bassa intensità lavorativa (10,3%).
Per inciso: il rischio di povertà o esclusione sociale è del 5,1% più elevato rispetto a quello medio europeo (pari al 24,8%) “come conseguenza della più elevata diffusione della severa deprivazione (14,5% contro una media del 9,9%) e del rischio di povertà (19,4% contro 16,9%)”.
“L’aumento della severa deprivazione, rispetto al 2011, è determinato – spiega l’Istat – dalla più elevata quota di individui in famiglie che non possono permettersi durante l’anno una settimana di ferie lontano da casa (dal 46,7% al 50,8%), che non hanno potuto riscaldare adeguatamente la propria abitazione (dal 18,0% al 21,2%), che non riescono a sostenere spese impreviste di 800 euro (dal 38,6% al 42,5%) o che, se volessero, non potrebbero permettersi un pasto proteico adeguato ogni due giorni (dal 12,4% al 16,8%)”.
La situazione è decisamente più complessa – oltreché preoccupante – nel sud Italia, dove quasi la metà (il 48%) dei residenti “è a rischio di povertà ed esclusione”. Ma il “rischio di povertà o esclusione sociale” è più alto per le famiglie numerose (39,5%) o monoreddito (48,3%); aumenti significativi, tra il 2011 e il 2012, si registrano tra gli anziani soli (dal 34,8% al 38,0%), i monogenitori (dal 39,4% al 41,7%), le famiglie con tre o più figli (dal 39,8% al 48,3%), se in famiglia vi sono almeno tre minori.
Nel 2011, la severa deprivazione tra le persone in famiglie a prevalente reddito da lavoro autonomo era più contenuta (7,1%) di quella osservata tra i membri delle famiglie con redditi da lavoro dipendente (10,7%); nel 2012 la differenza si riduce in misura significativa (12,6% contro 13,7%) a seguito dell’aumento più consistente rilevato tra i membri delle famiglie del primo tipo.
La metà delle famiglie residenti in Italia ha percepito, nel 2011, un reddito netto non superiore a 24.634 euro l’anno (circa 2.053 al mese). Nel Sud e nelle Isole il 50% delle famiglie percepisce meno di 20.129 euro (circa 1.677 euro mensili). Il reddito mediano delle famiglie, che vivono nel Mezzogiorno è pari al 73% di quello delle famiglie residenti al Nord; per il Centro il valore sale al 96%. Nel 2011, la disuguaglianza misurata dall’indice di Gini mostra un valore più elevato nel Mezzogiorno (0,33), inferiore nel Centro (0,31) e nel Nord (0,29). “Su scala nazionale – conclude l’Istat – l’indice di Gini è pari allo 0,32”.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, oltre 24milioni di casi negli Usa

Sono oltre 24 milioni i casi registrati da inizio pandemia negli Stati Uniti, dove si contano anche 400mila vittime.…

19 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, 118 nuovi casi in Cina

Sono 118 i nuovi casi di coronavirus registrati in Cina, i cui 106 trasmessi localmente e 12 importati.…

19 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, con coprifuoco alle 18 casi diminuiti del 16%

Le misure restrittive adottate in Francia e il coprifuoco anticipato alle 18 cominciano a dare effetti positivi sulla pandemia. Infatti, il numero di contagi è…

19 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Messico: «Biden riveda riforme sull’immigrazione»

«Il nuovo presidente americano deve rivedere sulle riforme politiche di immigrazione del Paese. Lo ha detto il presidente messicano, Andres Manuel Lopez Obrador, mentre migliaia…

19 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia