Il 6,6% dei pensionati continua a lavorare | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il 6,6% dei pensionati continua a lavorare

lavoroLe forme di transizione graduale verso il pensionamento non sono diffuse nel nostro Paese, a dimostrarlo è il fatto che solo il 3,5% degli occupati tra 55 e 69 anni ha ridotto l’orario di lavoro nella fase lavorativa che precede la pensione.
Stando ai dati raccolti da Istat il 62,0% degli occupati di età compresa tra i 50 ed i 69 anni ha intenzione di smettere di lavorare appena inizierà a ricevere una pensione da lavoro. Una tendenza osservata soprattutto tra le donne e tra i lavoratori dipendenti. Al contrario il 6,6% dei lavoratori 50-69enni, 411 mila unità nonostante già stiano percependo la pensione da lavoro continuano tuttavia a lavorare. Tra questi sei occupati su dieci dichiarano di farlo per motivi puramente economici.
Tra gli occupati della fascia di età presa in considerazione “prevale – spiega l’Istat – un diffuso senso di incertezza riguardo all’età programmata del ritiro definitivo dall’attività lavorativa”: tanto che il 62,1% non ha ancora preso una decisione.
Del totale degli occupati 50-69enni solo un terzo dichiara la propria disponibilità a posticipare l’uscita definitiva dal posto di lavoro oltre la data prestabilita. Anche in questo caso i motivi sono prettamente legati agli incentivi economici.
Passando ai contributi previdenziali, solo 541 mila unità dichiarano di non averne versati. Una tendenza quest’ultima riscontrata maggiormente tra le donne e tra i 50-69 anni residenti nel Sud d’Italia.
Passiamo ora agli inattivi: il motivo prevalente del ritiro è il raggiungimento dei requisiti minimi, nel 43,6% dei casi, mentre il 16,1% dichiara di aver ceduto al pensionamento obbligatorio.
“La durata media – spiega ancora l’Istituto – delle carriere lavorative dei ritirati dal lavoro di 50-69 anni è di 36,2 anni, in lieve aumento rispetto al 2006 (era di 35,1 anni). Le carriere continuano a essere mediamente più lunghe per la componente maschile (37,6 anni contro 33,9 anni delle donne)”.
Rispetto al 2006 il numero medio di anni di contributi versati sale da 34,0 a 35,4 anni e, in media, i periodi di contribuzione risultano essere inferiori per le donne e per i pensionati del Mezzogiorno.
Nel 2012 l’età media in cui i ritirati dal lavoro di 50-69 anni hanno iniziato a ricevere la pensione da lavoro si attesta a 58 anni, contro i 57,1 del 2006. Per le donne l’età pensionabile, a causa di carriere lavorative meno regolari, arriva mediamente più tardi rispetto agli uomini.

 

Scrivi una replica

News

Gran Bretagna, 2mila evacuati a Manchester per la tempesta Christoph

A causa della tempesta Christoph, circa 2mila abitazioni sono state evacuate nell’area di Manchester. La tempesta ha causato allagamenti in varie parti del Paese.…

21 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Biden: «Le nostre sfide sono il vaccino, l’economia e il razzismo»

«La distribuzione e la somministrazione del vaccino contro il Covid sono la maggiore sfida logistica americana, insieme al salvataggio l’economia». Lo ha detto il presidente…

21 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti ringraziano l’Oms per l’impegno contro il coronavirus

La nuova amministrazione americana ha ringraziato l’Oms per il suo contributo nella lotta contro il coronavirus. Gli Stati Uniti hanno anche assicurato il loro sostegno…

21 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cina: «Con Biden, angeli migliori sconfiggano le forze del male»

«Con la cooperazione di entrambe le parti, l’auspicio è che ‘gli angeli migliori’ nelle relazioni Cina-Usa possano battere le forze del male». Lo ha detto…

21 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia