A quanto ammontano gli “affitti d’oro” | T-Mag | il magazine di Tecnè

A quanto ammontano gli “affitti d’oro”

Palazzo mariniE’ stato scontro tra governo e Movimento 5 Stelle. Al centro del dibattito la questione degli affitti d’oro e l’emendamento, contenuto nel dl Salva-Roma, in grado di neutralizzare un provvedimento presentato in precedenza dai pentastellati, e approvato da tutti, il cui testo riportava: “Le amministrazioni dello Stato, le Regioni e gli enti locali, nonché gli organi costituzionali nell’ambito della propria autonomia, hanno facoltà di recedere, entro il 31 dicembre 2014, dai contratti di locazione di immobili in corso alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto. Il termine di preavviso per l’esercizio del diritto di recesso è stabilito in trenta giorni, anche in deroga a eventuali clausole difformi previste dal contratto”. Fatta la legge trovato l’inganno: il Partito democratico avrebbe infatti inserito in tutta fretta un codicillo secondo cui si potrà sì procedere alla rescissione dei contratti di locazione, ma non nel caso in cui i privati, in questo caso, quindi, Milano 90, abbiano fondi di garanzia legati agli immobili affittati allo Stato. Appena usciti allo scoperto sono arrivati nuovamente i ripensamenti. Durante l’esame del decreto infatti, il Pd ha presentato un nuovo emendamento per annullare il codicillo. Sembra quindi che ora, almeno sulla questione degli affitti d’oro, siano tutti d’accordo.
Ma quanto costano i cosiddetti “affitti d’oro”. La storia nasce alla fine degli anni ’90. All’epoca Montecitorio, sotto l’avallo di centrodestra e centrosinistra, stipulò una serie di contratti per i Palazzi Marini, da sottolineare senza gara di appalto, con la società immobiliare Milano 90, guidata da Sergio Scarpellini. I contratti prevedevano una spesa di oltre 500 euro l’anno per metro quadrato, per un canone totale annuo di 22 milioni di euro per quattro palazzi. Nel giro di 18 anni la Camera avrebbe quindi speso intorno ai 444 milioni di euro, solo per pagare i canoni. La spesa non si ferma qui. Infatti il costo complessivo per gli uffici e le sedi distaccate della Pubblica amministrazione, compresi quelli degli enti locali, si stima che si aggiri intorno ai 12 miliardi di euro all’anno.

 

Scrivi una replica

News

Censis: «600mila poveri in più. Covid peggiore il tenore di vita»

Dal rapporto Censis-Tendercapital emerge che «cinque milioni di italiani hanno difficoltà a mettere in tavola un pasto decente, 7 milioni e 600mila hanno avuto un…

23 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, una persona su cinque ha disturbi psichiatrici dopo la diagnosi

Circa una persona su cinque ha disturbi psichiatrici tra 14 e 90 giorni dopo la diagnosi di Covid-19. A rivelarlo uno studio condotto dal Dipartimento…

23 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Movimento 5 stelle, pubblicato il documento di sintesi degli Stati generali

Il Movimento 5 stelle ha pubblicato sul “Blog delle Stelle” il documento di sintesi degli Stati generali del movimento che si sono conclusi la scorsa…

23 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Libia, Italia e altri Ue: «Misure contro chi ostacola la pace»

«Francia, Germania, Italia e Regno Unito hanno ribadito oggi il loro pieno sostegno al processo guidato dalle Nazioni Unite per dare alla Libia nuove istituzioni…

23 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia