I settori che trainano l’economia | T-Mag | il magazine di Tecnè

I settori che trainano l’economia

di Mirko Spadoni

crisi_personeÈ una dinamica ormai consolidata in tempi di crisi economica. Il calo dei consumi di buona parte dei nuclei familiari (solo nel 2012, la spesa media mensile è diminuita del 2,8%) è accompagnato dalla crescita costante di un altro settore dell’economia: quello dei beni di lusso, cresciuto nell’ultimo anno – e a livello mondiale – del 2%.
Secondo i dati Istat, pubblicati solo qualche tempo fa, nel 2012 la spesa media mensile per famiglia è stata pari, “in valori correnti”, a 2.419 euro. Ovvero ben il 2,8% in meno rispetto all’anno precedente. Ma quali sono le voci di spesa che hanno subito i maggiori tagli? La spesa alimentare è sostanzialmente stabile, passa da 477 a 468 euro. Un aspetto sicuramente non secondario, ma dovuto soprattutto “alle strategie di contenimento della spesa” messe in atto dalle famiglie per fronteggiare l’aumento dei prezzi: è cresciuta, infatti, le percentuali di chi “ha ridotto la qualità e/o la quantità dei generi alimentari acquistati” (dal 53,6% del 2011 al 62,3% del 2012). Ma è aumentata anche la quota delle famiglie che hanno deciso – in virtù delle crescenti difficoltà economiche e “a scapito prevalentemente di supermercati, ipermercati e negozi” – di fare i propri acquisti tra gli scaffali degli hard discount, passando dal 10,5% del 2011 al 12,3% nel 2012. Ma è diminuita anche la quota di spesa destinata all’abbigliamento e alle calzature: dal 5,4% si scende al 5,0%. Decisamente più marcato è il calo registrato nelle regioni del Mezzogiorno, dove si è passati dal 6,6% al 5,7%. In quest’ultima ripartizione, quasi il 22% delle famiglie (contro il 16,7% osservato a livello nazionale) ha ammesso di aver diminuito, rispetto all’anno precedente, la quantità di vestiti e scarpe acquistati e di essersi orientato verso “prodotti di qualità inferiore”.
Gli italiani, denunciava il Codacons solo qualche giorno fa, sono animati dalla “costante paura di non riuscire a farcela” e sono “obbligati a risparmiare sull’acquisto del cibo”. “Il 50,8% dei nuclei familiari – proseguiva il Codacons, commentando i dati dell’istituto di statistica – non può permettersi una settimana di ferie, il 42,5% non riesce a sostenere una spesa imprevista di 800 euro ed il 16,8% non può permettersi un pasto”.
L’immagine offerta dalle indagini dell’Istat, trova ulteriore conferma anche dall’ultimo outlook socioeconomico Tecnè per TGCOM24, secondo cui le difficoltà economiche hanno costretto – e stanno costringendo – gli italiani a molte rinunce. E così l’81% ha dichiarato di aver “ridotto la quantità o acquistato prodotti di qualità inferiore”, mentre solo il 19% è “riuscito ad acquistare tutto quello di cui aveva bisogno come 12 mesi fa”.
Il 37% ha dichiarato di aver rinunciato al “pesce”, in aumento del 6% rispetto a dodici mesi fa. Agli “insaccati e stagionati” (il 36%), alla “carne” (il 28%), ma anche alla “prima colazione” (il 27%) e ai “prodotti per l’igiene” (il 22%). Hanno subito cali inferiori “pasta” e “latte”, entrambi all’8%, e il “pane” (il 7%). Ma mentre molti italiani, per non dire la maggior parte di essi, sono costretti a “tirare la cinghia”, c’è un mercato che non conosce la crisi economica e continua a crescere, quello dei beni di lusso (il 7% dei quali avviene, secondo una ricerca condotta da Google in collaborazione con Ipsos, online).
Stando ai dati raccolti nell’Osservatorio Altagamma sui mercati del lusso 2013, realizzato da Bain & Company per conto della Fondazione guidata da Andrea Illy, che riunisce le aziende dell’eccellenza italiana, solo nell’ultimo anno il mercato dei beni di lusso è cresciuto del 2%, “una percentuale che arriva al 6% se non si considera la fluttuazione delle valute (che quest’anno sono state nettamente sfavorevoli per l’Euro, con lo Yen che contribuisce a metà dell’impatto valute)”.
Tanto per farsi un’idea: il settore automobilistico ha contribuito con 319 miliardi di euro, quello di “vini e alcolici” con 55 miliardi, “scarpe” con 13 miliardi, “abbigliamento uomo” (26 miliardi di euro) e “donna” (27 miliardi). Bene è andata anche al settore degli “orologi” e della “piccola pelletteria”, entrambi con 36 miliardi di euro. Ottimi risultati sono stati conseguiti anche dal “gourmet food” (39 miliardi di euro), dal settore del “mobil e design” (19 miliardi di euro), dal settore alberghiero (138 miliardi) e della gioielleria con 13 miliardi di euro. Tra tutte queste percentuali, ce ne è anche qualcuna che rassicura (almeno in parte) la nostra economia: i brand italiani hanno conquistato quota di mercato, passando dal 21% del 1995 al 24% di oggi, avvicinandosi così alla quota in possesso dei brand francesi (29%).
E le stime lasciano presagire un 2014 sugli stessi livelli: “a livello mondiale, la spesa dei beni personali di lusso crescerà del 2% raggiungendo i 217 miliardi di euro”, sostiene la ricerca condotta da Bain & Company.

segui @SpadoniMirko

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Speranza: «Da gennaio, via alla campagna vaccinale»

In Italia, la campagna vaccinale contro il coronavirus inizierà a gennaio. Lo ha annunciato il ministro della Salute, Roberto Speranza, illustrando al Senato la strategia…

2 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, Biden: «Con la Cina, non farò mosse immediate»

«La migliore strategia per la Cina, credo, è quella che mette tutti i nostri alleati sulla stessa lunghezza d’onda. Sarà una delle principali priorità per…

2 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Hong Kong, Wong condannato a 13 mesi di carcere

Joshua Wong, tra i principali leader del movimento pro democrazia di Hong Kong, è stato condannato a 13 mesi e mezzo di carcere per aver…

2 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Libri. «Piovono bombe», un gioco di incastri nell’ultimo romanzo di Iannaccone

L’autore ne parlerà giovedì 13 dicembre in diretta streaming La crisi siriana sullo sfondo, ma anche la ricerca del successo. Nello specifico quello in ambito…

2 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia