La giornata contro gli sprechi alimentari | T-Mag | il magazine di Tecnè

La giornata contro gli sprechi alimentari

spreco alimentareOggi, 5 febbraio, si celebra la prima Giornata nazionale di Prevenzione dello spreco alimentare. La giornata è stata istituita per sensibilizzare gli italiani sul tema. Lo spreco alimentare ogni anno arriva a toccare un valore di nove miliardi di euro. L’obiettivo è di dimezzare questa cifra entro il 2025, limite imposto dalla Commissione europea per tutta l’Unione.
Nel dettaglio, stando ai dati del rapporto Waste Watcher 2013, lo spreco annuale è di 8,7 miliardi di euro. Questo perché in media si gettano 213 grammi di cibo a settimana, per un costo di 7,06 euro settimanali a famiglia. Lo spreco alimentare domestico vale circa lo 0,5% del nostro Prodotto interno lordo. del Pil. Dal rapporto si evince che il 90% degli italiani considera molto o abbastanza grave lo spreco alimentare, il 78% si dichiara preoccupato da questo problema, mentre l’89% degli italiani chiede maggiore informazione sulle conseguenze dello spreco e consigli per ridurlo. Il 57% degli italiani dichiara di gettare “quasi mai” gli avanzi, il 27% dichiara di buttare cibo ritenuto “non più buono” meno di una volta alla settimana, il 14% almeno una volta a settimana. Il 55% dichiara invece di riutilizzare cibi da altri considerati scarti, mentre il 34% lo indirizza direttamente verso la pattumiera e il 7% lo usa per gli animali.
L’81% del campione degli intervistati è convinto che il singolo individuo sia in grado, mediante accortezze quotidiane, di contribuire alla salvaguardia dell’ambiente e della natura, ma solo il 18% ritiene che le persone si impegnino veramente per tutelare l’ambiente e la natura.
Guardando alla ripartizione territoriale è possibile osservare come in Campania solo il 47% non getta via cibo quasi mai, contro il 68% della Liguria, il 66% della Sardegna e il 62% della Lombardia: regioni dove la tendenza a buttare via il cibo appare più bassa rispetto al resto d’Italia. Tra gli alimenti più gettati figurano la frutta, nel 51,2% dei casi, e la verdura, 41,2%. Segue il formaggio con il 30,3%, il pane fresco con il 27,8%, latte con il 25,2%, yogurt 24,5% e salumi con il 24,4%. Percentuali più basse se si considerano invece la pasta (9,1%), i cibi pronti (7,9%) e i precotti (7,7%).
Fra le motivazioni per cui si butta via il cibo al primo posto, con il 38,94%, c’è “aveva fatto la muffa”, seguito dal 32,31% dei casi in cui si giustifica “era scaduto”. O ancora, si legge nel rapporto, perché “l’odore o il sapore non sembravano buoni” (25,58%). In misura sensibilmente inferiore sono state indicate cause come “l’aver cucinato troppo cibo” (13,29%), “l’aver calcolato male gli acquisti” (13,15%), o addirittura motivazioni più “capricciose” come l’aver acquistato “cose che non piacevano” (6,61%).
Non solo alimenti. Con gli sprechi di cibo gettiamo infatti anche 1,226 milioni di metri cubi di acqua, circa la quantità consumata ogni anno da 19 milioni di italiani.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Spadafora: «Fino a mille spettatori agli eventi sportivi all’aperto»

«Finalmente già a partire dalle semifinali e dalle finali degli Internazionali di tennis potranno assistere mille spettatori a tutte le competizioni sportive che si terranno all’aperto…

18 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, formalizzato accordo tra la Commissione europea e Sanofi-Gsk per 300 milioni dosi di vaccino

È stato formalizzato l’accordo tra la Commissione europea e il duo Sanofi–GSK, due case farmaceutiche europee – la prima è francese, britannica la seconda –,…

18 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

M5s, espulso il deputato Marco Rizzone

Il Movimento 5 stelle ha espulso il deputato Marco Rizzone. Lo ha annunciato il M5s, con un post scriptum che accompagna un post, pubblicato sul…

18 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, TikTok vietata dal 20 settembre

Il dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha emesso un ordine che impedisce a chi si trova negli Usa di scaricare le app TikTok e…

18 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia