Italiani pessimisti sul futuro del Paese | T-Mag | il magazine di Tecnè

Italiani pessimisti sul futuro del Paese

povertà_crisi_economicaAlla domanda “come giudichi la situazione economica dell’Italia?” il 93% degli intervistati da Tecnè per TGCOM 24 ha risposto “negativamente” mentre solo il 7% ha espresso un giudizio positivo. Anche nelle ultime rilevazioni permane il pessimismo verso il futuro: il 63% è infatti convinto che tra dodici mesi la situazione economica italiana sarà peggiore di oggi, al contrario il 37% crede in una sorta di miglioramento.
Anche per quanto concerne la situazione della propria famiglia i giudizi rimangono tali, il 94% esprime infatti un giudizio negativo al contrario del rimanente 6%. Il 72% pensa anche che nel giro di un anno la situazione non cambierà affatto. Per il 55% delle famiglie il bilancio tra entrate e uscite risulta abbastanza equilibrato e mentre il 14% dichiara di esser anche riuscito a risparmiare, il 31% è dovuto ricorrere ai risparmi. Il 18% afferma di aver acquistato tutto il necessario, esattamente come un anno fa. L’82% degli intervistati ha invece ammesso di aver ridotto la quantità o la qualità dei prodotti acquistati.
In base a parametri come i consumi, bilancio familiare attuale e atteso e alla condizione lavorativa, Tecnè ha potuto rilevare che il 33% delle famiglie è in difficoltà economica (il 14% grave ed il 19% molto grave, contro il 16% ed l’11% del marzo scorso), il 38% dei nuclei famigliari fatica ad arrivare alla fine del mese (l’anno scorso era il 35%) mentre il 29% non riscontra alcuna difficoltà economica (contro il 38% dello scorso anno).
Il 58% (+11% su marzo 2013) dichiara di avere ridotto le spese per l’acquisto di prodotti tecnologici, l’88% (+14%) ha ridotto quelle per il tempo libero (ristoranti, cinema, palestra), il 45% (+10%) ha invece ridotto le spese per la salute e il 39% (+9%) quelle legate alla cultura.
I prodotti su cui gli italiani hanno risparmiato maggiormente sono il pesce, nel 43% dei casi (+13% sul 2013); gli insaccati e stagionati, 42% (+13%); la carne, 35% (+13%); la prima colazione, 34% (+13%). Meno italiani hanno invece risparmiato sul pane, 16%; sul latte, 17% e sulla pasta, 17%.

Il sondaggio è stato effettuato il 4 marzo con metodo Cati su un campione probabilistico articolato per sesso, età, area geografica, ampiezza centri con ponderazione all’universo sociodemografico composto da 1.000 intervistati. Margine d’errore +/- 3,1%.

Sfoglia in pdf il monitor socioeconomico di Tecnè

 

Scrivi una replica

News

Novara, sindacalista muore investito da un camion durante una manifestazione

Adil Belakhdim, 37 anni, coordinatore interregionale dei SiCobas, è morto questa mattina investito da un camion. L’episodio è avvenuto davanti ai cancelli della Lidl di…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, prima dose di vaccini a metà della popolazione

Il ministro della Salute tedesco, Jens Spahn, ha reso noto che una persona su due in Germania è stata somministrata una prima dose, e una…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, impennata di casi in Russia: 17mila in un giorno

Nelle ultime 24 la Russia ha registrato 17mila nuovi casi da coronavirus, facendo registrato il più alto numero giornaliero da febbraio. I morti, invece, hanno…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inps- Ag.Entrate-Bankitalia: «8,9 miliardi alle imprese nel 2020»

Nel 2020, a sostegno di coloro che svolgono attività imprenditoriale, sommando i contributi dell’Inps e quelli dell’Agenzia delle Entrate, sono stati complessivamente erogati circa 8,9…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia