Gli studenti con cittadinanza non italiana | T-Mag | il magazine di Tecnè

Gli studenti con cittadinanza non italiana

studenti stranieriPer il Miur non solo gli studenti con cittadinanza non italiana sarebbero in aumento ma guadagnerebbero terreno anche dal punto di vista dei risultati. Dallo studio condotto sull’annata 2012/2013, dal Ministero dell’Istruzione in collaborazione con la Fondazione Ismu, emerge che sono 786.630 gli alunni con cittadinanza non italiana, l’8,8% del totale, in aumento rispetto all’8,4% dell’anno precedente.
Il 47,2% degli studenti stranieri è nato in Italia, un dato che sale all’80% per le scuole dell’infanzia e al 60% per la primaria.
L’integrazione sta diventando una realtà, spiega il ministero, e la scuola ne è contemporaneamente la cartina di tornasole e il motore. Il ritardo quasi si annulla per gli studenti con diversa cittadinanza che però sono nati nel nostro Paese: le loro performance si avvicinano a quelle degli italiani (in particolare nelle prove di lingua straniera) e sono nettamente migliori di quelle dei loro compagni nati all’estero. In alcune regioni del Sud le differenze tra gli italiani e gli studenti di seconda generazione tendono addirittura ad invertirsi: in Campania gli stranieri nati in Italia fin dalla scuola primaria hanno un rendimento migliore dei loro compagni di classe figli di italiani. Stanno diventando più bravi. E si presentano sempre più in anticipo sui banchi.
Il 7,4% degli alunni stranieri esce con un voto superiore al 90/100, percentuale che per gli italiani si attesta al 13,7%. Il 3,1% degli studenti con cittadinanza non italiana ha intrapreso la carriera universitaria dopo il conseguimento del diploma.
Tuttavia è la formazione tecnica e professionale la scelta principale degli studenti stranieri, strada intrapresa infatti dall’80% degli alunni. Solo due su dieci scelgono il liceo.
Gli alunni con cittadinanza non italiana, si legge ancora nell’analisi, sono presenti soprattutto nelle regioni del Nord e del Centro, concentrati in particolare nelle province di media e piccola dimensione. Quanto alla nazionalità è confermato il primato degli alunni rumeni, con 148.602 unità; seguiti dagli albanesi, con 104.710; e dai marocchini, con 98.106. Le femmine sono quasi pari alle compagne di origine italiana. Nelle scuole superiori le studentesse di origine immigrata addirittura superano per incidenza quelle italiane. In particolare nel Nord est sono il 50,4% contro il 49,1%.
Nel rapporto si parla anche degli alunni stranieri con disabilità certificata: sono il 3,1% degli studenti con cittadinanza non italiana e il 10,8% degli alunni totali con disabilità.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, quarantena e tampone obbligatori per chi viene in Italia dal Regno Unito

Quarantena obbligatoria di 5 giorni con obbligo di tampone per chi arriva in Italia dal Regno Unito. Lo prevede un’ordinanza firmata dal ministro della Salute,…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Spagna, dal 26 giugno via obbligo mascherine all’aperto

Anche la Spagna, come la Francia alcuni giorni fa, ha annunciato che a breve toglierà l’obbligo di mascherina all’aperto. A riferirlo il premier Pedro Sanchez,…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, Trump: «Deciderò se ricandidarmi dopo elezioni midterm»

L’ex presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, è tornato a parlare non escludendo una sua ricandidatura nel 2024, ipotesi di cui si discute da tempo.…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Novara, sindacalista muore investito da un camion durante una manifestazione

Adil Belakhdim, 37 anni, coordinatore interregionale dei SiCobas, è morto questa mattina investito da un camion. L’episodio è avvenuto davanti ai cancelli della Lidl di…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia